Maltempo Palermo: apprensione per fiume, eseguiti 62 sgomberi a Bagheria

Hanno fatto le ore piccole ed eseguito una complicata ricerca certosina diversi dipendenti della direzione X Urbanistica per realizzare, in tempi celerissimi, le 62 ordinanze di sgombero contingibile ed urgente secondo quanto previsto dall’ex art. 54 del D. Lgs 267/2000 per lo sgombero delle aree soggette a “Pericolosità Idraulica”“: per questo motivo il Comune di Bagheria (Palermo) ha conferito degli encomi a un gruppo di dipendenti. “Come è noto il fine ultimo della decisione dell’amministrazione era quello di garantire la sicurezza dei cittadini, tutelarli da eventuali rischi di inondazione presenti sul territorio, migliorare il territorio per affrontare, in sicurezza, le avversità atmosferiche e le allerta meteo con particolare attenzione al fiume dell’Eleuterio – si spiega in una nota – Gli sgomberi, temporanei e cautelativi, degli immobili presenti lungo il corso del fiume Eleuterio, dal primo ottobre al 31 marzo di ogni anno, periodo che verosimilmente coincide con le probabili piogge e temporali e con le situazioni di allerta meteo che vengono indicate dalla Protezione civile, sono state notificate ai relativi proprietari la cui ricerca è stata, anch’essa non di semplice realizzazione. Si tratta per lo più di seconde case: è stato necessario fare le visure catastali, verificare il piano regolatore generale della zona, ricercare dapprima tutti gli immobili e poi verificare i proprietari. Non solo: alcuni proprietari non sono residenti per cui le notifiche hanno riguardato anche cittadini di comuni limitrofi o ricerca degli eredi. Una volta ricostruita la situazione, sono state realizzati i 62 documenti, le ordinanze che sono state pubblicate all’albo pretorio, trasmesse alla Prefettura di Palermo e che la polizia municipale ha notificato agli intestatari“.