Maltempo Veneto, peggio di un uragano: varco aperto tra alberi abbattuti e detriti su una strada del Bellunese [VIDEO]

Il maltempo degli ultimi giorni ha stravolto l’Italia da Nord a Sud con eventi molto violenti che hanno portato vittime e danni diffusi. Nel Nord-Est il vento impetuoso e le piogge torrenziali hanno cancellato bellezze naturali, come la gola dei Serrai di Sottoguda, in provincia di Belluno, e i boschi delle Dolomiti, dove gli alberi sono caduti a milioni come birilli sotto la furia del vento.

Lo dimostrano anche le immagini impressionanti che provengono dalla strada regionale 203 che porta a Larzonei, frazione del comune di Livinallongo del Col di Lana, in provincia di Belluno. La strada è interamente ricoperta di alberi abbattuti e detriti ammassati come se vi fosse passato un vero e proprio uragano, come potrete vedere nel video in fondo all’articolo. Solo alle 8 della mattina odierna (1 novembre) i volontari e gli operai del Comune sono riusciti ad aprire un varco che porta a Larzonei, fino ad allora isolata. Il video è stato inviato dal sindaco di Livinallongo Leandro Grones al TgR Veneto.

Ma è tutta la zona montana del Bellunese a versare in condizioni drammatiche. Ci sono interi Comuni ancora isolati, dove mancano acqua, luce e collegamenti telefonici. Tra le zone più colpite il Comelico e la Val Zoldana. Cresce, intanto, l’indignazione tra le popolazioni del Nord-Est che accusano i tg nazionali di parlare solo di Portofino e dei suoi yacht.