Wonder Woman o Medicina del futuro? Il caso delle gemelline “mutanti”

di Roberto Guerra – In Cina, esperimento di manipolazione del Dna, ma bioetici contrari come nel …Medioevo.

In questi giorni, in ambito scientifico e sociale, spicca l’annuncio dalla Cina di uno scienziato genetista

He Jiankui  che avrebbe – allo stato attuale – con successo – fatto nascere da due genitori con il padre siero positivo all’HIV, dopo una cura di fertilità, due gemelline manipolando – succintamente – il loro Dna, nello specifico eliminando il gene potenzialmente responsabile di attivare nelle bambine l’HIV “ereditario” del padre. Siccome è il primo caso nel mondo, levata di scudi dell’ambiente culturale anche scientifico, il copione prevedibile di bioetici o scienziati “conservatori” che evocano derive superomistiche, eugenetica e così via, oltre che dubbi medico-scientifici stessi.

Scienza o Bioetica?

A ben vedere ci pare rivelatrice – al di là del caso delle neonate mutanti, certa dinamica bioetica che semplicemente riflette strutturalmente il nostro tempo in bilico tra il futuro e il passato, tra grande sviluppo scientifico e un sistema sociale e psicosociale arretrato di secoli, il grande dramma misconosciuto di un presente in crisi epocale, incapace di adattarsi anche a livello socioeconomico e mentale collettivo al mondo nuovo basato sulla scienza e la tecnologia, evoluzione sociale fondamentale per liberarsi di millenni di condizionamenti religiosi e irrazionalismo ancora prevalenti anche nelle evolute società postmoderne. Dalla rivoluzione informatica (poi robotica e dell’Intelligenza Artificiale) neuroscientifica e dell’ingegneria genetica, i sociologi parlano anche di società nascenti postumane, ovvero la fine di supposti vincoli naturali che limitano (malattie, la morte, capacità cognitive, ecc.) da sempre la specie umana, la concreta possibilità attuale e con grandi prospettive nell’avvenire, di potenziare il “vecchio” Homo Sapiens stesso, di accelerare in fondo quel che le stessi leggi naturali fanno dalla nascita della vita sulla Terra come si dovrebbe sapere dopo un certo Darwin….

Perché la scienza stessa, tornando alle gemelline mutanti, anziché semmai limitarsi scientificamente a criticare l’esperimento specifico in sé, sul piano della verità (efficace o effetti collaterali pericolosi e trasparenti…) sembra dibattere con zelo religioso e poco dialettico? Soprattutto rimuovere che il genetista cinese mica è un ciarlatano, né la Cina una nazione ancora ferma all’agopuntura ma come noto all’avanguardia proprio scientifica e in particolare nell’ ingegneria genetica ?Come ricorda lo stesso Corriere della Sera per la Cina il problema dell’HIV e l’AIDS è purtroppo una seria minaccia nazionale: “Il problema dell’infezione da Hiv in Cina è molto serio e il ricercatore ha affermato di aver voluto soltanto dare un esempio e che sarà poi la società a decidere se questi esperimenti andranno continuati”.

Vaccini postumani?

Nello specifico, il padre donatore della coppia che ha generato le due bambine in laboratorio in quanto non fertile, è, riassumendo, sieropositivo, forte il rischio di eventuali nasciture prima o poi infette. Lo scienziato cinese ha nella sostanza manipolando il gene a rischio vaccinato direttamente nel Dna le bambine. Effetti collaterali? Ogni vaccino ha degli effetti collaterali potenziali, quasi sempre irrilevanti. Storicamente, se i bioetici esistevano ai tempi della Penicillina oppure attualmente con morbillo, varicella o antibiotici, ecc., per principio di precauzione quindi… hanno ragione i No Vax?

In realtà in futuro certi vaccini postumani cosiddetti , manipolando i geni potenzialmente malati nel Dna degli embrioni, saranno Medicina normale. E più in generale, come affermano i transumanisti stessi, se manipolazioni simili miglioreranno le capacità cognitive e sensoriali della nostra specie, se libere scelte delle Persone (non obblighi di Stato!), come certamente i genitori delle due gemelline hanno liberamente scelto (non un arbitrio dello scienziato cinese) qualsiasi obiezione – di chi vuole imporre le proprie legittime scelte agli altri come troppi bioetici- è semplicemente ridicola. Sono i preti obsoleti e spesso pericolosi di qualsiasi religione (anche “scientista”) che ancora si oppongono all’ Homo Sapiens, al suo futuro e la Libertà insita proprio nei nostri geni di specie.