Olimpiadi 2026, ecco il logo di Milano-Cortina: è bellissimo ed è stato realizzato a costo zero

MeteoWeb

Il Duomo di Milano stilizzato con la facciata che si trasforma in montagna, riecheggiando le Alpi e le Dolomiti, con le guglie verdi, bianche e rosse, in onore all’Italia. Parte da questo logo il grande sogno a cinque cerchi della candidatura ai Giochi invernali del 2026 di Milano-Cortina. Dopo i consensi positivi che l’innovativo progetto italiano ha ricevuto dai vertici del Comitato Olimpico Internazionale ai primi di ottobre in occasione della Sessione CIO a Buenos Aires, nella terra del Sol Levante la delegazione italiana guidata dal presidente del Coni Giovanni Malago’ ne ha ricevuto altrettanti. L’occasione e’ stata l’assemblea generale dell’ANOC tenutasi a Tokyo. Nel periodo intercorso tra l’evento in Argentina e quello in Giappone, i siti olimpici italiani segnalati per la disputata delle gare erano stati visionati dalla commissione valutativa (Olympic Bid Evaluation Commission) composta da otto membri e presieduta dal romeno Octavian Morariu. Alla delegazione le location dove gia’ esistono le strutture, quindi in piena linea con l’Agenda 2020, sono piaciute. Prima di arrivare al momento della votazione finale che assegnera’ le Olimpiadi della neve e del ghiaccio del 2026 sono previsti altri passi. Sul luogo e data della votazione ci sono due opzioni. In attesa delle future notizie che arriveranno dalla Svezia dove la candidatura di Stoccolma non e’ appoggiata dall’amministrazione comunale, attualmente la decisione sara’ presa tra il 23 e 24 giugno 2019 a Losanna presso la sede del CIO. Il motivo e’ quello di garantire la neutralita’ della scelta nel rispetto della Carta Olimpica. Nell’eventualita’ di una rinuncia della Svezia, possibile e pare nemmeno lontana, la candidatura italiana Milano-Cortina resterebbe l’unica e quindi la Sessione del CIO potrebbe ritornare a Milano nel settembre 2019 come era stato stabilito a Lima nel 2017.L’11 gennaio 2019 viene indicata come data massima per la presentazione delle garanzie ed il giorno successivo il CIO dovrebbe presentare ufficialmente nel dettaglio i due masterplan. Nel febbraio 2019 sono previste le visite alle venus olimpiche di un gruppo di esperti del CIO. Successivamente, tra marzo e i primi di aprile, e’ prevista un’analisi di valutazione prima della presentazione finale del 12 aprile. Successivamente (a maggio) e’ prevista la pubblicazione della relazione della commissione di valutazione alla quale seguira’ il briefing per membri del CIO e le federazioni internazionali degli sport interessati.