Bambina di 19 mesi ridotta al rachitismo a causa della dieta vegana, i genitori: “E’ troppo schizzinosa”

MeteoWeb

Una bambina australiana di 19 mesi è stata ridotta al rachitismo perché nutrita solo con pane tostato, avena, banane e latte di riso. La “dieta vegana estrema” a cui l’hanno sottoposta i genitori le ha causato grossi problemi di salute, facendole rischiare la vita. La piccola era affetta di una grave malnutrizione, come riscontrato dai medici che l’hanno visitata. Ora la storia è finita in tribunale e la madre e il padre della piccola, rispettivamente di 32 e 34 anni, sono sotto accusa. Se condannati dovranno affrontare anni di carcere per aver portato la figlia a diventare sottopeso e con gravi difficoltà a gattonare e fare altri semplice movimenti quotidiani che ogni bambino dovrebbe fare. La piccola a un anno e mezzo pesava solo 4,9 kg. Secondo quanto riportato dalla stampa anglosassone, i genitori si sono giustificati sostenendo che la figlia “era schizzinosa“, perché rifiutava puntualmente il tofu, le patate e il riso che le venivano offerti.

I genitori, entrambi vegani, avevano iniziato con la dieta a base di vegetali per la figlia appena nata, ma gli effetti delle gravi carenze di sostanze nutritive come calcio, fosfato, vitamina B12, vitamina A, ferro e zinco non hanno tardato a manifestare i loro effetti; a fare danni è stata in particolare la mancanza di vitamina D, utile per proteggere le ossa, e che l’ha poi portata al rachitismo. «Era come floscia, non riusciva neanche a gattonare», ha riferito un medico. La coppia, che ha altri due figli tutti sani, è ora sotto processo e l’udienza di condanna è prevista per il 16 gennaio. Tutti e tre i bambini sono stati dati in affidamento.