Eiaculazione precoce, andrologi: ecco il mix di erbe che migliora “la qualità della vita sessuale di coppia”

MeteoWeb

Può arrivare dalle erbe una nuova speranza per chi soffre di eiaculazione precoce, ma soltanto se il medico specialista ha escluso fattori organici e se il problema è solo psicologico: secondo i dati raccolti e presentati durante il Congresso della Società italiana di andrologia, dedicato a natura, ambiente e alimentazione, “un trattamento di 3 mesi con un mix di estratti vegetali di griffonia, passiflora e valeriana, assunti sotto forma di integratori e prescritti dall’esperto, può ridurre fino al 40% l’entità dei sintomi, migliorando la qualità della vita sessuale di coppia“. L’azione tranquillante e rilassante della griffonia, associata a valeriana e passiflora – spiegano gli andrologi – può aiutare a rimanere più calmi e concentrati durante il rapporto, sedando l’ansia da prestazione. “E’ tuttavia imprescindibile la valutazione di ciascun paziente da parte dell’andrologo – spiega il presidente della Sia, Alessandro Palmieri – per capire se i sintomi hanno una causa organica specifica e poter così intervenire con la terapia più adeguata. Il fai-da-te è assolutamente sconsigliato perché esiste il rischio di affrontare il problema con prodotti a base di erbe che, pur essendo innocui, potrebbero rivelarsi del tutto inutili e ritardare l’accesso a cure farmacologiche efficaci“. ?”Il preparato utilizzato è un integratore vegetale che contiene principalmente Griffonia simplicifolia. Si tratta di un arbusto rampicante originario dell’Africa centrale e occidentale e ricco di 5-idrossitriptofano, un amminoacido naturale precursore della serotonina, neurotrasmettitore importante per il tono dell’umore e per la regolazione del comportamento in caso di stress. A questa pianta si sono aggiunte Passiflora incarnata, che favorisce il relax senza dare sonnolenza e ha proprietà antidepressive con un’azione assimilabile all’uso di benzodiazepine, e Valeriana officinalis, il cui principio attivo ha un effetto calmante che agisce sull’ansia da prestazione“. “Il riflesso dell’eiaculazione è la risposta all’interazione complessa di stimoli a livello del sistema nervoso centrale e periferico, in cui gioca un ruolo importante la serotonina: quando aumenta nel sistema nervoso centrale, ha un effetto inibitorio sull’eiaculazione e ne ritarda la comparsa. Ciò significa che l’eiaculazione precoce in alcuni pazienti può essere associata a una ridotta concentrazione di serotonina“. “Sappiamo perciò che i farmaci che ne incrementano le quantità possono essere utili e i nuovi dati mostrano che anche integratori a base di griffonia, aumentando la sintesi del neurotrasmettitore grazie all’apporto di un suo importante precursore, possono avere un ruolo nei pazienti in cui l’eiaculazione precoce dipende da stress e ansia“. In Italia l’eiaculazione precoce riguarda il 20-30% degli uomini sia giovani sia di età più avanzata, ma per gli andrologi “è ancora troppo sottovalutato: secondo recenti stime, solo il 10% affronta il disturbo e va dallo specialista“.