Natale, psicologo: diventano sempre più “social” le feste degli italiani

MeteoWeb

Le feste degli italiani sono sempre più “social“, documentate minuto per minuto con foto postate per strappare “like” agli amici virtuali: il rischio, avverte lo psicologo e psicoterapeuta Giuseppe Lavenia, è che anche questa ricorrenza venga “sopraffatta dalla presenza della tecnologia“. Oggi “tutto deve essere documentato sui social. I parenti devono essere immortalati e ‘costretti’ a scattare foto in continuazione in attesa di raggiungere lo scatto migliore che merita di essere condiviso con fierezza. Magari durante l’intero cenone natalizio non ci siamo nemmeno scambiati un ‘come stai’, però per i social ci abbracciamo e inventiamo hashtag strappalacrime. Stesso discorso ormai vale anche per i doni ricevuti. Non è sufficiente il pensiero che si è avuto verso ognuno di noi, la gioia e la sorpresa nello scartare il regalo tanto atteso, ma la vera attesa è quella di poter mostrare ai nostri amici virtuali ciò che abbiamo ricevuto. Magari nemmeno abbiamo avuto l’accortezza di ringraziare chi il dono ce l’ha fatto ed è a due passi da noi, ma preferiamo farlo sui social. Esprimere al mondo intero un sentimento che però non riusciamo a condividere face to face“.
Secondo l’esperto i ragazzi “oggi hanno sempre più bisogno di postare tutto sui canali social. La loro identità è fragile. Non riescono più a raccontare attraverso le parole ciò che provano. Lo fanno attraverso le immagini. Hanno bisogno di essere riconosciuti e tentano di mostrare attraverso i social una parte di loro che può identificarsi con il sogno di un altro ragazzo della loro età. Perché così, magari, si sentono importanti. Dovremmo aiutarli interessandoci a loro e a quello che fanno, chiedendo cosa provano, tornando quanto prima a conoscere davvero le loro emozioni“. Le festività, prosegue l’esperto, “sono da sempre considerate un momento da passare in famiglia. Si scambiano doni, si scattano foto ricordo e si gioca a carte o a tombola fino a tardi. Antiche tradizioni che trovo molto istruttivo tramandare alle generazioni future. Generazioni che sembrano aver dimenticato la purezza di tale atmosfera“.