Guida autonoma: UBER riprende i test dopo l’incidente mortale

MeteoWeb

A quasi un anno di distanza dal tragico incidente in Arizona che aveva portato lo stop di tutte le sperimentazioni su strade pubbliche, la multinazionale che fornisce un servizio di trasporto automobilistico privato è pronta a riprendere i test su guida autonoma.

L’azienda ha richiesto e ottenuto allo stato della Pennsylvania i permessi per riprendere i test a seguito della messa a punto di ulteriori migliorie ai sistemi e alle regole per gli operatori. Nei futuri test infatti saranno presenti due tecnici a bordo, entrambi sui sedili anteriori: l’orario di lavoro e il comportamento dei dipendenti, inoltre, verranno monitorati per evitare distrazioni. Il controllo dei conducenti sarà affidato a società esterne che potranno verificare da remoto lo stato di ogni veicolo osservandone gli occupanti. Le vetture guidate dal computer inoltre non potranno superare i 40 km/h.