Maltempo di fine ottobre 2018, Protezione Civile: fondi solidali destinati a progetti presentati dalle Regioni

MeteoWeb

In merito a quanto dichiarato ieri a mezzo stampa dal Codaconssul presunto mancato utilizzo dei fondi donati dagli italiani a seguito del maltempo che lo scorso autunno ha colpito, tra le altre, anche le regioni del Nord Italia“, la Protezione Civile precisa che “i circa 739 mila euro donati dai cittadini, tramite l’SMS solidale, sono stati indirizzati, già lo scorso dicembre, interamente al Veneto, grazie ad un accordo corale tra le 11 Regioni colpite dagli eventi calamitosi, dettato da una sapiente generosità.

Al fine di assicurare una gestione trasparente di tali somme, è stata avviata la procedura per la costituzione del Comitato dei Garanti, al quale spetterà la valutazione dei progetti e la decisione sull’impiego dei fondi.

Quanto, poi, ai circa 2 milioni raccolti sul conto corrente intestato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è opportuno ricordare che si tratta di somme donate da rappresentanti appartenenti al Movimento 5 Stelle e proprio d’intesa con i vertici del Movimento, si è deciso di destinare la somma, ripartita in parti uguali di circa 666.000 euro, per la realizzazione di progetti in Sicilia, Liguria e Friuli Venezia Giulia. Regioni colpite duramente dagli eventi calamitosi dello scorso autunno.”

Il Dipartimento della Protezione Civile, con nota dello scorso 10 gennaio, ha richiesto di “acquisire dalle regioni destinatarie dei fondi le proposte dei progetti, così da individuare e selezionare quelli più idonei e meritevoli di realizzazione.

Le dichiarazioni rilasciate da Codacons appaiono, dunque, destituite di ogni fondamento. Anche in questa occasione la raccolta dell’SMS solidale conserva la sua tradizionale trasparenza. Tutti i progetti proposti e approvati saranno comunicati tempestivamente così come lo scorso 13 dicembre, all’esito dell’incontro con le regioni coinvolte negli eventi calamitosi, è stata data comunicazione della decisione di indirizzare tutti i fondi alla sola regione Veneto.”