Congo: il rischio Ebola è reale, ecco le indicazioni dell’OMS per chi si mette in viaggio

MeteoWeb

Quello che afferma il bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è un quadro preoccupante si, ma sotto controllo.
L’epidemia di Ebola nel Congo prosegue ma con “intensità moderata“, il numero dei casi ha superato quota 900, ma a destare preoccupazione sono le violenze ai danni degli operatori sanitari denunciate anche nella giornata di ieri da Medici senza frontiere (MSF), che hanno lasciato “scoperte” due aree che restano irraggiungibili.

Alla data del 5 marzo, rileva l’OMS, si sono registrati 907 casi tra confermati e probabili, di cui il 57% ha riguardato donne e il 30% minori di 18 anni.

I morti sono stati 569, mentre 304 persone sono state dimesse dai centri di cura dopo la guarigione. A seguito degli attacchi a due centri di trattamento a Katwa e Butembo prosegue l’OMS – i pazienti sono stati temporaneamente trasferiti al Katwa Transit Centre. Il 2 marzo il centro di Butembo e’ stato riaperto. I team di risposta hanno ripreso le attività in tutte le aree affette tranne due in cui la sicurezza e la resistenza delle comunità rimangono un problema“.

Anche se il rischio di espansione dell’epidemia nella regione rimane “molto alto“, sottolinea il bollettino,non ci sono comunque gli estremi per misure restrittive ai viaggi nel Paese di uomini e merci.