Maltempo e vento forte: nella notte di Pasqua 2 voli dell’Aeronautica per salvare uomini in pericolo di vita

L'intervento dell'Aeronautica Militare si è reso necessario a causa dello stato del mare e delle pessime condizioni meteo con forte vento

MeteoWeb

L’elicottero HH139 dell’82° Centro C.S.A.R. di Trapani è decollato dalla base siciliana per trasportare un uomo in imminente pericolo di vita da Lipari (ME) ed un altro da Marettimo (TP).
Nella notte di Pasqua, un elicottero HH-139A dell’82° Centro C.S.A.R. (Combat Search and Rescue – Ricerca e Soccorso) del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare è decollato dalla base di Trapani per trasportare un uomo di 56 anni in pericolo di vita. L’uomo colpito da malore nell’isola di Lipari (Me) è stato trasportato, insieme ad un’equipe medica, presso l’ospedale “Papardo” di Messina ove è giunto intorno alle 03:00. Durante il primo trasporto, l’equipaggio è stato informato che avrebbe dovuto effettuare un secondo trasporto sanitario, quindi, dopo aver effettuato rifornimento presso l’aeroporto di Reggio Calabria, si è diretto, dopo aver fatto scalo a Palermo per imbarcare un’equipe medica, verso l’isola di Marettimo dove ha imbarcato il sessantunenne. Intorno alle 07:00 di questa mattina, il paziente è stato fatto sbarcare insieme al medico sulla piazzola di Valderice (TP) per la successiva ospedalizzazione presso l’ospedale di “S. Antonio” di Trapani.
L’intervento dell’Aeronautica Militare si è reso necessario a causa dello stato del mare e delle pessime condizioni meteo, forte vento (raffiche fino a 118 km/h), che hanno reso difficili entrambi i trasporti. L’ordine di decollo è giunto dal R.C.C. (Rescue Coordination Center – Centro di Coordinamento del Soccorso) della Sala Operativa del C.O.A. (Comando Operazioni Aeree) di Poggio Renatico (FE).

L’82° Centro è uno dei Reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, 365 giorni l’anno, senza soluzione di continuità, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi, operando in qualsiasi condizione meteorologica. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato più di 7300 persone in pericolo di vita.