Orribile a Tenerife: mucche e tori morti sulla spiaggia arrivati dal mare, ecco cosa sta accadendo

Da qualche giorno, a Tenerife, può capitare di passeggiare sulla spiaggia e imbattersi in un toro che galleggia, morto

MeteoWeb

A pochi giorni dal ritrovamento della femmina di capodoglio incinta, morta, rinvenuta sulla spiaggia di Porto Cervo dopo essere stata uccisa dalla plastica che aveva ingerito, un’altra tragedia ambientale sale alla ribalta della cronaca. Questa volta – come riferisce Il Messaggero – la notizia arriva dalle Isole Canarie dove sta avvenendo un fenomeno inquietante quanto misterioso: mucche e tori “spiaggiati”. Si tratta dunque di animali che non hanno nulla a che vedere con il mare. Ma da qualche giorno, a Tenerife, può capitare di passeggiare sulla spiaggia e imbattersi in un toro che galleggia, morto. Casi simili sono stati numerosi, fino a questo momento. L’ultimo riguarda un grosso toro che galleggiava a pochi metri dalla Playa de La Jaquita, nella provincia di Santa Cruz.

Ad accorgersene sono stati dei turisti, rimasti a bocca aperta. Volontari e operatori delle autorità locali lo hanno portato via, ormai senza vita da giorni. E il mistero del perché l’animale, e altri prima di lui nel giro di pochi giorni, siano arrivati lì è stato presto risolto: in quel tratto di oceano vengono effettuate rotte da parte di grandi navi cariche di bestiame che partono da alcuni Paesi del Sud America. Si tratta di viaggi lunghi e mal sopportati dagli animali, che spesso restano feriti e si ammalano. Il personale di bordo, dunque, si libera delle carcasse gettandole in acqua.

Spesso le povere bestie, morte appena dopo essere state gettate in acqua se non prima, non riescono ad arrivare sulla spiaggia: gli squali banchettano lautamente con quella carne fresca e immediatamente disponibile. A volte, però, sfuggendo ai predatori del mare, mucche e tori arrivano sulla costa, trasportate dalla marea. Non si sa quale dei due destini sia migliore, ma lo spettacolo è davvero triste e avvilente.