Apple ancora in pista nella guida autonoma: alla ricerca di un “design rivoluzionario”

Prosegue la ricerca e lo sviluppo per la guida autonoma di Apple: attenzione centrata sulla produzione di sensori più piccoli, economici e facili da produrre

MeteoWeb

Apple crede nella guida autonoma: è quanto si evince dal fatto che la compagnia di Cupertino avrebbe avuto incontri con quattro aziende fornitrici di sensori per auto autonome e starebbe contemporaneamente lavorando per riuscire a realizzarli in proprio. Lo ha riferito il sito della Reuters, citando tre persone a conoscenza dei fatti. Gli incontri sono stati incentrati sui sensori di nuova generazione di tipo LIDAR, una tecnologia di telerilevamento che misura le distanze usando impulsi laser.

Apple sarebbe in cerca di sensori di dimensione più ridotta, economici e più facili da produrre rispetto agli attuali. I sistemi LIDAR ora esistenti, compresi quelli dell’azienda Velodyne che sono montati sulla flotta di auto di test targata Apple, costano fino a 100mila dollari e sono poco adatti all’uso nella produzione di massa di veicoli. Per questo la società californiana sarebbe in cerca di un “design rivoluzionario“. Inoltre secondo le fonti, la Mela, oltre a cercare all’esterno, starebbe anche portando avanti lo sviluppo interno dei sensori.