Ebola in Congo, l’allarme dell’OMS: “aumentano i casi, contagiati anche gli operatori sanitari”

Un improvviso aumento dei casi di Ebola in Congo mette in allarme l'OMS: 1100 nuovi casi e 690 morti, numerose perdite anche tra il personale medico

MeteoWeb

Il flagello dell’epidemia di Ebola sta ancora seminando vittime e nuovi contagi, l’Organizzazione mondiale della Sanità afferma che nelle ultime tre settimane c’è stata un’impennata dei nuovi casi.
Secondo il comunicato dell’OMS sono stati superati i 1100 casi dall’inizio dell’epidemia, lo scorso ottobre.

Negli ultimi 21 giorni – scrive l’OMS – 57 aree sanitarie hanno riportato nuovi casi. Allo scorso due aprile un totale di 1100 casi sono stati riportati, con 690 morti. Il 58% dei pazienti è donna, e il 29% ha meno di 18 anni. Il numero di operatori sanitari contagiati e’ salito a 81, con 27 morti“.

L’improvviso aumento, segnala l’Organizzazione, era stato seguito da un periodo di calo dei nuovi casi che aveva fatto pensare che l’epidemia si avvicinasse alla fine.

Nel comunicato, si sottolinea che la risposta internazionale è rallentata dagli attacchi di bande armate ai centri di cura e dalla diffidenza di alcune comunità locali. L’aumento del numero dei casi sottolinea le difficoltà ambientali della zona dove sta avvenendo l’epidemia, così come le sempre maggiori difficoltà che deve affrontare la risposta quotidianamente“.