Rischia la vita per un banale incidente di pesca: contrae la fascite necrotizzante, l’infezione dei batteri “mangia-carne”

Colpito semplicemente da un amo mentre era a pesca, un uomo è fortunato ad essere ancora in vita e ad avere ancora il braccio dopo aver contratto la terribile fascite necrotizzante

MeteoWeb

Mentre era a pesca al largo della costa di Palm Harbor, nel Golfo del Messico, un uomo della Florida ha contratto un’infezione con batteri “mangia-carne” che gli è quasi costata la vita. Mike Walton è stato curato al Tampa General Hospital per fascite necrotizzante, un’infezione batterica che è estremamente rara negli Stati Uniti. L’uomo ha dichiarato di essere stato colpito da un amo, che gli aveva procurato una piccola puntura: un banale incidente che capita centinaia di volte ai pescatori. In seguito, la mano ha iniziato a gonfiare, così Walton si è recato in un ospedale vicino, dove gli sono stati somministrati degli antibiotici.

fascite necrotizzante Il giorno dopo, però, sulla sua mano hanno iniziato a spuntare inquietanti bolle nere, come potete vedere dalle immagini incluse nell’articolo. “Avevo queste vesciche che hanno iniziato a formarsi sulla mano e si potevano vedere come delle gocce di sudore apparire sulla mano e poi sono diventate nere”, ha dichiarato. Corso al Tampa General Hospital, è stato ricoverato nel reparto ustioni, dove i medici che lo hanno curato hanno dichiarato che è fortunato ad essere ancora in vita e ad avere ancora il braccio. Ad un certo punto, infatti, i dottori hanno considerato la possibilità di amputare l’arto, ma alla fine sono riusciti a rimuovere i batteri dai suoi tessuti. L’uomo ha ricevuto un trapianto di pelle sulla parte superiore della mano e sul braccio sinistro, dove la pelle era ormai stata infettata e stava aggravandosi.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) statunitensi fanno notare che più di un tipo di batteri è in grado di causare la fascite necrotizzante. Tra questi, i Vibrio vulnificus, batteri che vivono nelle acque calde e salmastre e che possono  causare un’infezione attraverso il consumo di ostriche o entrando nel corpo attraverso le ferite, come nel caso di Walton. Lo scorso anno, il Florida Department of Health ha riportato 42 casi di Vibrio vulnificus e 9 decessi. Secondo i CDC, a causa dell’infezione muore 1 persona su 3 con fascite necrotizzante.

LaPresse/Reuters

Il rischio di una infezione da Vibrio vulnificus è più alto tra maggio e ottobre quando oceani, laghi e acque dei fiumi sono più caldi, secondo i CDC. Solitamente l’infezione si contrae nuotando in acque calde con una ferita aperta o consumando frutti di mare infetti. Per questo è importante mantenere qualsiasi ferita pulita e fuori da acque calde. La fascite necrotizzante, tuttavia, non accompagna sempre un’infezione da Vibrio vulnificus. I CDC stimano che ogni anno negli Stati Uniti, i batteri causano circa 205 infezioni e che muore circa 1 persona su 7 con un’infezione da Vibrio vulnificus.

Secondo i CDC, questo problema “colpisce prevalentemente le persone con un sistema immunitario compromesso o con un’altra malattia in corso, soprattutto malattie epatiche. I sintomi della fascite necrotizzante possono includere (ma non sono limitati solo a questo) veloce gonfiore della pelle, dolore acuto, febbre e macchie nere sulla pelle.