Allergie, la cosa da fare ogni giorno per tenerle a bada e altri utili consigli

Uno degli effetti collaterali della primavera sono senza dubbio le allergie: ecco allora alcuni utili consigli per tenerle il più possibile sotto controllo e limitare il contatto con il polline

MeteoWeb

La primavera è una tra le stagioni più amate: torna a splendere il sole dopo l’inverno, si può finalmente fare a meno di cappotti e maglioni a favore di indumenti più leggeri e la natura torna a fiorire. Ma proprio da questo aspetto deriva uno degli effetti collaterali meno piacevoli della stagione: le allergie. Spesso queste significano settimane di occhi che lacrimano, naso gocciolante e tanti tanti starnuti.

Anche se il miglior modo per bloccare i sintomi è ricorrere agli antistaminici (e per coloro che riportano sintomi gravi, questo significa assumerli ogni giorno per tutta la stagione), questa non è l’unica cosa possibile da fare per combattere le temutissime allergie. Perché quando si tratta di quegli insopportabili sintomi che non ne vogliono sapere di sparire, serve un vero e proprio piano di attacco. In particolare, bisogna minimizzare il più possibile il contatto con il polline.

Un modo facile per alleviare i sintomi è fare la doccia prima di andare a dormire. Questo perché tutto il polline presente nell’aria durante la stagione delle allergie si accumula sulla pelle e sui capelli nel corso della giornata. Questo significa che andando a letto, ci si porta dietro tutto il polline raccolto durante la giornata. Fare la doccia prima di andare a dormire, invece, libera di qualsiasi allergene ancora presente. Gli allergeni amano anche aderire ai vestiti, quindi è consigliato cambiare gli indumenti a fine giornata. Ovviamente stenderli all’aperto produrrebbe il risultato opposto, perché raccoglierebbero ancora più polline.

Un ultimo consiglio è quello di togliere le scarpe quando si entra in casa e tenere le finestre chiuse durante le ore più calde della giornata, utilizzando un ventilatore o un condizionatore per l’areazione degli ambienti.