Il ciclone Fani ha toccato terra in India: 2 morti a Puri

Il ciclone Fani ha colpito soprattutto la città turistica di Puri, dove secondo le previsioni i venti resteranno fortissimi nelle prossime ore

MeteoWeb

Il ciclone Fani ha toccato terra a Puri (Orissa), sulla costa orientale dell’India, con venti oltre i 200 km/h: 2 persone sono morte. Un anziano, che aveva trovato riparo in un rifugio, è morto di infarto, mentre un altro uomo era uscito all’aperto nonostante l’uragano ed è stato ucciso da un albero sradicato: lo ha reso noto il commissario alla protezione civile dell’Orissa Bishnupada Sethi.

Ora il ciclone Fani sta lentamente perdendo forza, secondo il Dipartimento Meteorologico indiano.
Le autorità aeroportuali del Paese hanno annunciato che l’aeroporto di Calcutta verrà chiuso nel pomeriggio, in previsione dell’arrivo della tempesta che ora si sposta ad una velocità di 175 km orari in direzione nordest.

Il ciclone al momento ha colpito soprattutto la città turistica di Puri, dove secondo le previsioni i venti resteranno fortissimi per le prossime tre ore. Molte zone risultano allagate, migliaia di alberi sono stati sradicati, i pali della luce spezzati, i tetti scoperchiati e numerose case sono state distrutte.