Incendi di rifiuti, Costa: “quasi sempre è plastica, bisogna andare sul biodegradabile e compostabile”

Il ministro dell'Ambiente Costa in audizione alla Commissione Ecomafie si esprime sul tema degli incendi di rifiuti ribadendo il danno prodotto dalla plastica

MeteoWeb

Per quanto riguarda la tipologia di incendi in relazione a ciò che brucia, statisticamente brucia quasi sempre plastica e varie tipologie di carte, quasi sempre è plastica o entrambe insieme, il che è ovvio perché l’umido non ha molto senso che bruci“.

Così si è espresso il ministro dell’Ambiente Sergio Costa in audizione davanti alla Commissione Ecomafie sul tema degli incendi di rifiuti.

Ed è tutto il tema che riguarda anche i mercati che non si sono più aperti o comunque sono difficili con una parte del mondo, penso alla Cina in particolare, perché bruciano in particolare non le plastiche primarie ma le plastiche secondarie e terziarie, di scarsa qualità, che non hanno mercato“, aggiunge Costa. “Per la carta c’è un problema simile perché il mercato della carta ha avuto negli ultimi 2-3 anni un decremento fortissimo dal punto di vista commerciale, viceversa adesso sta riprendendo fortunatamente e gli incendi stanno diminuendo: quando dai valore economico a quello che consideriamo rifiuto, l’incendio non ha più senso. Se per la carta il mercato sta riprendendo, per la plastica il tentativo parallelo è quello di cambiare la natura della plastica e di andare sul biodegradabile e compostabile“, conclude il ministro.