India: il potente ciclone Fani incombe sul Golfo del Bengala, 780mila evacuati

Il servizio meteo indiano ha reso noto che il ciclone Fani effettuerà il "landfall" domani pomeriggio nei pressi della città santa indù di Puri

MeteoWeb

Il potente ciclone Fani si trova nel Golfo del Bengala e minaccia le aree costiere dell’India orientale: 800mila persone sono state evacuate dalle zone a rischio. Il servizio meteo indiano ha reso noto che la tempesta Fani effettuerà il “landfall” domani pomeriggio nei pressi della città santa indù di Puri. Le autorità hanno chiuso i due maggiori porti del Golfo, le scuole e le università, mentre la bandiera che abitualmente svetta a Puri, sul tempio di Jagannath, vecchio di 858 anni, è stata abbassata per segnalare l’allarme: le autorità si dichiarano preoccupate per l’impatto che il ciclone potrà avere sul tempio.
AFP riferisce che un funzionario della protezione civile ha dichiarato che 780mila persone sono state trasferite in aree sicure da almeno 13 distretti dello stato di Odisha.
Il ciclone, il più potente a colpire l’est dell’India in quasi vent’anni, si trova a 450 km al largo della costa e si sposta in direzione ovest. Sono attesi venti a 180-190 km/h, con raffiche a 200 km/h.

Fani sarà il quarto ciclone ad abbattersi sulle coste dell’est indiano in 3 decenni.