Maltempo in Puglia, grandine e vento: gravi danni all’agricoltura nel Tarantino e nel Barese

I danni del maltempo "sono ingenti soprattutto nel Tarantino, dove la grandine ha intaccato angurie, vigneti e melograni nell'area di Ginosa e Castellaneta"

MeteoWeb

La Puglia è stata duramente colpita dal maltempo nella giornata di ieri: grandine, vento e pioggia hanno provocato gravi danni all’agricoltura nel Tarantino e nel Barese. Particolarmente bersagliate, segnala la Cia Agricoltori Due Mari di Taranto-Brindisi, sono state le zone di Ginosa, Mottola e Castellaneta Marina, in provincia di Taranto, ma anche la Valle D’Itria e parte della provincia di Bari.
I danni sono ingenti soprattutto nel Tarantino, dove la grandine ha intaccato angurie, vigneti e melograni nell’area di Ginosa e Castellaneta,” spiega Vito Rubino, direttore provinciale di Cia Due Mari. “A Palagiano sono stati colpiti agrumeti e uliveti“.
Purtroppo si prefigurano danni per centinaia di migliaia di euro,” rileva il direttore di Cia Levante, Giuseppe Creanza. “Nel Barese, così come in provincia di Taranto, la grandine e le piogge torrenziali si sono abbattuti su orti e frutteti, ma anche e pesantemente sugli alberi di ulivo“.

Per Coldiretti Puglia sono “incalcolabili” i danni prodotti nelle campagne dall’intensa grandinata che ha colpito le province di Taranto e Bari. A Taranto, in particolare a Castellaneta, Castellaneta Marina, Ginosa, Palagiano e Mottola viene segnalata “una vera e propria devastazione“: la “grandine con chicchi grandi quanto pietre” ha “distrutto ortaggi, vigneti, grano, albicocche e le infiorescenze degli agrumi. Stiamo inviando la richiesta di riconoscimento dello stato di calamita’ naturale“, spiega Alfonso Cavallo, presidente di Coldiretti Taranto. Il Maltempo ha falcidiato anche la provincia di Bari – rileva Coldiretti – con fiumi d’acqua a Monopoli per la violenta bomba d’acqua e acqua e gradine a Castellana, Conversano, Alberobello, Turi, con gravi danni a seminativi, ciliegie e mandorle.

Tutta l’ortofrutta, ma anche le produzioni di uva, sia da vino che da tavola, sono state danneggiate in modo gravissimo” dalla forte grandinata, “e a nulla sono servite, coperture, tendoni. La grandine ha distrutto tutto“: lo sottolinea il presidente di Confagricoltura Puglia, Luca Lazzaro.