Prevenire e ridurre la cellulite: cosa fare quando alimentazione e attività fisica non bastano

Cellulite: a seguito di un approfondimento diagnostico, un esperto può consigliare trattamenti non invasivi, sicuri ed efficaci per contrastarla

MeteoWeb

Un successo inarrestabile in costante ascesa, che la Società Scientifica Agorà ha deciso di continuare a promuovere. Un problematica non solo estetica: la “cellulite” è una vera e propria patologia multifattoriale presente tutto l’anno.

La cellulite, si sa, “non fa sconti” a nessuno: è una problematica tipicamente femminile che colpisce 9 donne su 10, dall’adolescenza alla menopausa, indipendentemente dal peso corporeo, con tassi di incidenza importanti nella stagione post menopausa.

Prevenirla e ridurla sensibilmente si può ma bisogna partire da azioni quotidiane come curare l’alimentazione con cibi performanti, eventualmente arricchiti da integratori e vitamine, dedicare del tempo all’attività fisica ma soprattutto affidarsi alle mani esperte di un Medico Estetico che, a seguito di un approfondimento diagnostico, può consigliare trattamenti non invasivi, sicuri ed efficaci per contrastarla.

Per questo motivo, per sensibilizzare al tema, la Società Scientifica Agorà dal 2016 promuove I MESI, Aprile e Maggio, della Prevenzione contro la Cellulite con Screening gratuiti, su scala nazionale, per far comprendere e chiarire tutte le criticità che si incorrono su una P.E.F.S trascurata.

“Quest’anno volevamo concentrarci in un unico mese, ossia aprile, mese importante anche per ritararsi sulle abitudini alimentari e stili di vita e intervenire con rimedi terapeutici efficaci ma a seguito del grande successo in termini di adesioni e partecipazione tra medici e pazienti abbiamo deciso di proseguire ancora per tutto il mese di maggio. La nostra iniziativa infatti segue un triennio di successo sul campo: la campagna nazionale è infatti un continuum di quella promossa nel 2016 in quanto, dai dati raccolti durante ottobre 2018 è risultato che oltre il 70% dei Medici Estetici intervistati effettua trattamenti per contrastare l’adiposità localizzata e la P.E.F.S a riprova di un aumento della patologia, molto spesso sottovalutata.” spiega il Prof. Alberto Massirone, Presidente della Società Scientifica Agorà – AMIEST.