Riscaldamento globale: l’attività umana e altri fattori esterni confermati come causa dell’aumento delle temperature

“Possiamo ora dire con sicurezza che i fattori umani, come le emissioni di gas serra e l’inquinamento da particolato, insieme ai cambiamenti annuali portati da fenomeni naturali come eruzioni vulcaniche o El Niño, sono sufficienti per spiegare virtualmente tutti i cambiamenti a lungo termine della temperatura", sostengono gli autori di un nuovo studio

MeteoWeb

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno confermato che l’attività umana e altri fattori esterni sono responsabili dell’aumento della temperatura globale. Nonostante questa sia l’opinione diffusa nella comunità scientifica da molto tempo, era rimasta incertezza su quanta influenza potessero avere i cicli naturali degli oceani sul riscaldamento globale nel corso di molteplici decenni. La risposta che ora danno i ricercatori è: pochissima o nessuna.

In un nuovo studio, pubblicato su Journal of Climate, i ricercatori dell’Environmental Change Institute hanno analizzato i dati sulle temperature della terra e dell’oceano dal 1850. Oltre ai fattori indotti dall’uomo, come le concentrazioni di gas serra, nell’analisi sono stati inseriti altri fattori, come eruzioni vulcaniche, attività solare e inquinamento dell’aria. I risultati hanno dimostrato che i cicli oceanici non spiegano i cambiamenti a lungo termine della temperatura globale, che includono diversi decenni di riscaldamento accelerato o rallentato.

surriscaldamento globalePossiamo ora dire con sicurezza che i fattori umani, come le emissioni di gas serra e l’inquinamento da particolato, insieme ai cambiamenti annuali portati da fenomeni naturali come eruzioni vulcaniche o El Niño, sono sufficienti per spiegare virtualmente tutti i cambiamenti a lungo termine della temperatura. L’idea che gli oceani potessero aver guidato il clima in una direzione più calda o più fredda per molteplici decenni in passato, e che quindi lo faranno anche in futuro, è improbabile che sia corretta”, ha dichiarato Il Dott. Karsten Haustein, autore principale dello studio.

Lo studio ha dimostrato che anche il riscaldamento globale che si è verificato nel periodo del “primo riscaldamento” (1915-1945) è stato causato da fattori esterni. In precedenza, era stato ampiamente attribuito ai cambiamenti naturali della temperatura oceanica, fonte dell’incertezza sull’eventuale influenza di fattori naturali non prevedibili sul riscaldamento globale.

cambiamenti climaticiIl nostro studio ha dimostrato che non ci sono fattori nascosti della temperatura media globale. I cambiamenti di temperatura che osserviamo sono dovuti ai fattori che conosciamo. Questo può sembrare noioso, ma a volte i risultati noiosi sono davvero importanti. In questo caso, significa che non vedremo alcuna sorpresa quando questi fattori, come le emissioni di gas, cambieranno. La buona notizia è che quando le concentrazioni di gas serra scenderanno, lo faranno anche le temperature come previsto; la cattiva notizia è che non c’è niente che ci salvi dall’aumento previsto delle temperature se non riusciremo a ridurre drasticamente le emissioni di gas serra”, ha concluso la Dott.ssa Friederike Otto, co-autrice dello studio.