Salute e bellezza, un approccio non invasivo per contrastare le occhiaie: vitamina A e radiofrequenza

Le nuove frontiere della medicina estetica: interventi soft senza bisturi e nuove applicazioni della vitamina A per contrastare gli inestetismi della pelle

MeteoWeb

Si sa, l‘orologio non si ferma, gli anni passano e la nostra pelle ne è il testimone. Ma esistono dei modi per rallentare quel processo senza ricorre alla chirurgia. Tramite interventi soft senza bisturi e nuove applicazioni della vitamina A si possono combattere gli inestetismi della pelle e le temute occhiaie soprannominate “dark circle”. Questo sono solo alcune delle novità presentate al 40esimo congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica (SIME), che si apre oggi a Roma.

Per quanto riguarda le occhiaie, sono tante le cause alla base di questo inestetismo: genetico-costituzionali in primo luogo, dermatiti da contatto, allergie, pelle sottile e vascolarizzata. E se a questi fattori si associano circostanze sfavorevoli – poche ore di sonno oppure una cattiva digestione e cattive abitudini tra cui fumo e alcool – la situazione si può accentuare ulteriormente. “Negli ultimi anni –spiega Emanuele Bartoletti, presidente della Sime – sono stati messi a punto degli acidi ialuronici appositamente studiati per poter essere iniettati in questa zona per correggere le occhiaie. Si tratta di filler che non attivano acqua e quindi non gonfiano minimamente, che hanno la capacità di riempire i solchi delle occhiaie, ma anche, essendo miscelati con principi attivi biostimolanti, di migliorare la qualità della cute ispessendola e rendendola meno scura e meno trasparente“.

C’è poi la radiofrequenza endodermica. “A mio avviso si tratta della più interessante novità della medicina estetica degli ultimi 10 anni – sottolinea Nicolò Scuderi, professore di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica all’Università Sapienza di Roma – in quanto consente di intervenire su zone difficilmente trattabili con altre metodiche e fornisce risultati molto evidenti, tanto da rivaleggiare in qualche caso anche con quelli chirurgici. È inoltre sinergica con altre metodiche medico estetiche, (con i filler ad esempio) ed è estremamente duttile: variando i parametri di calore e di energia prodotti dal macchinario, si possono avere effetti diversi, che vanno da un effetto tensivo a un effetto fibrolitico, fino ad attuare un’azione lipolitica mirata“.
La procedura consiste nell’inserimento sottocutaneo di un’agocannula e di una sonda che trasmette il calore generato dalla radiofrequenza ai tessuti.  Al passaggio della stessa si produce la retrazione delle strutture collageniche del derma – con conseguente “effetto lifting” – e attiva i fibroblasti fondamentali per riparare il derma stimolando la produzione di collagene. Salendo di temperatura invece si ha ha un effetto fibrolitico, ovvero riesce a eliminare aderenze tissutali derivanti da traumi o interventi chirurgici. Alzando ulteriormente la temperatura, si ha un’azione lipolitica e permette di eseguire una liposcultura anche in zone “difficili” come quella sotto-mentaliera, delle braccia e dell’interno cosce“.

Risvolti positivi anche sulla vitamina A, sostanza protagonista della cosmetica del 2019. Un interesse motivato dai benefici che può apportare all’organismo e per le interessanti frontiere che ha recentemente aperto la sua somministrazione sistemica. “L’acido retinoico topico (vitamina A acida) nella cute invecchiata – descrive Bartoletti – è un vero e proprio riprogrammatore cellulare che ha la capacità di riportare indietro i danni da invecchiamento cutaneo fotoindotto con un miglioramento incredibile del colorito della cute, della sua vascolarizzazione e delle rughe su di essa presenti. Un farmaco meraviglioso che nelle mani di un medico estetico esperto riesce a ringiovanire la cute in maniera radicale“.
Ma attenzione a farsi trascinare dalla moda, perché anche le vitamine possono provocare effetti collaterali se assunte sconsideratamente. “Esistono due tipi di vitamine, quelle liposolubili e quelle idrosolubili – spiega Domenico Centofanti, specialista in Scienza dell’alimentazione, vicepresidente della SIME – la vitamina A è una vitamina liposolubile, questo vuol dire che può accumularsi nell’organismo. Un uso sconsiderato di integratori contenenti vitamina A (ma anche altre vitamine liposolubili, la D, la E e la K, ad esempio) può creare dei problemi di Salute, come cute molto secca e fessurata, unghie e capelli fragili, gengiviti, irritabilità e astenia. Per questo motivo le integrazioni vanno seguite da un medico e consigliate solo se effettivamente servono“.