Ungheria, incidente sul Danubio: arrestato il capitano della nave, 21 persone risultano ancora disperse

Le indagini sulle cause dell'incidente sul Danubio hanno portato all'arresto del comandante della nave Viking Sigyn: esistono motivi concreti nel sospetto dell skipper ucraino

MeteoWeb

E’ stato tratto in arrestato il capitano della Viking Sigyn, la nave coinvolta nella collisione avvenuta ieri sul Danubio con un’imbarcazione carica di turisti sudcoreani. L’informazione è stata resa nota oggi dalla polizia ungherese precisando che esistono motivi concreti che hanno indotto a considerare sospetto lo skipper ucraino.

L’incidente ha provocato la morte di sette persone, ma 21 risultano ancora disperse a seguito del disastro. Tra queste il comandante e l’equipaggio della Hableany, sulla quale si erano imbarcate 35 persone, 33 delle quali turisti sudcoreani in visita a Budapest. L’imbarcazione, dopo la collisione è affondata in pochi secondi. I sette superstiti sono stati tratti in salvo subito dopo l’incidente e caricati a bordo di altre imbarcazioni di passaggio con notabili sintomi di ipotermia.