Walter Nudo e la commovente rivelazione dopo l’operazione al cuore: “Fabrizio Frizzi era con me”

“Non so perché, ma in questa circostanza ho sentito molto vicino Fabrizio Frizzi. Io credo in queste cose"

MeteoWeb

Non so perché, ma in questa circostanza ho sentito molto vicino Fabrizio Frizzi. Io credo in queste cose. Ricordo che quando Fabrizio stava male, all’inizio della sua malattia, gli ho inviato un messaggio. Lui mi ha risposto dopo tre mesi, ma questo gesto mi ha fatto sentire importante. Ho sentito Fabrizio dentro quella risposta e l’ho sentito ancora in questa situazione”. Queste le parole di Walter Nudo durante un’intervista rilasciata al settimanale Chi. Parole che toccano particolarmente, visto che l’attore è stato male mentre si trovava a Los Angeles e che per lui si è reso necessario un delicato intervento cardiaco, che ha scelto di fare in Italia all’ospedale Monzino di Milano.

Ero a Los Angeles, in albergo. Mi sono svegliato nel letto fradicio di sudore. Avevo freddo, ma sudavo. Il letto era completamente bagnato – ha raccontato Walter Nudo -. Volevo chiamare aiuto, ma dalla bocca uscivano solo suoni distorti. Ho pensato ‘sto morendo’. Ho infilato non so come le scarpe e ho chiamato un taxi”. Così, l’ex vincitore del GF VIP si è rivolto ad un amico medico che, intuita la gravità della situazione, lo ha subito portato in ospedale. E’ stato un vero e proprio incubo dal quale, fortunatamente, Nudo è riuscito ad uscire.

I medici mi hanno detto che avevo un buco nel cuore – ha spiegato -. Una patologia congenita. Ho subito pensato che dovevo scappare. In America ero solo. Volevo tornare in Italia […] Così ho mentito ai medici e mi sono imbarcato. Quando l’aereo si è staccato da terra ho ricominciato a sudare e a tremare”. Atterrato in Italia, Walter Nudo è stato subito operato al Monzino. “Quando ho capito che la sonda usata dai medici stava entrando nel mio cuore per ripararlo, sono scoppiato a piangere di gioia – ha detto non senza un’evidente commozione l’attore -. Ho capito che il mio cuore, la fonte della mia vita, si stava aggiustando”.