Clima, Descalzi (ENI): “Puntiamo alla neutralità carbonica in upstream dal 2030”

Descalzi (ENI): "Abbiamo definito una strategia chiara, per realizzare una transizione rapida con le tecnologie esistenti"

MeteoWeb

In Eni abbiamo definito una strategia chiara, per realizzare una transizione rapida con le tecnologie esistenti. Maggiore uso del gas, in molti dei paesi dove operiamo, più efficienza delle operazioni, lo sviluppo delle fonti rinnovabili, l’applicazione della economia circolare e la cattura del carbonio tramite le foreste sono leve immediatamente attivabili, mentre continuiamo nella ricerca e sviluppo di nuove fonti o forme di utilizzo“. Così l’ad di Eni, Claudio Descalzi in occasione delll’incontro con il Papa che oggi ha ricevuto le compagnie petrolifere in Vaticano.
Il nostro obiettivo, sottolinea ancora Descalzi, “è raggiungere la neutralità carbonica dal 2030 per le attività upstream come primo passo materiale e concreto di riduzione delle nostre emissioni“.
Su tutte queste attività, rileva, “abbiamo destinato 3 miliardi di euro di capex nel periodo di piano e 500 milioni di euro per la ricerca e sviluppo. È una sfida importante in cui siamo pienamente impegnati e pronti a fare la nostra parte. Ma solo il coinvolgimento di tutte le parti in causa trasformerà la nostra azione in un pieno successo per la società umana e per l’ambiente“.