Energia e clima, il commissario Canete: il piano dell’Italia è fattibile ma “deve essere più chiaro”

Secondo Canete l'Italia "sarà  in grado di presentare un piano finale, che confermi il suo alto livello di ambizione, un piano forte e sufficientemente dettagliato"

MeteoWeb

In riferimento alla proposta di piano nazionale integrato energia e clima, inviata dall’Italia alla Commissione europea, il commissario europeo Arias Canete, in un’audizione alle commissioni Ambiente, Attività produttive, Politiche Ue di Camera e Senato, ha dichiarato: “In generale il piano italiano è molto ben sviluppato e in linea con gli standard previsti dal regolamento, ma bisognerebbe lavorare meglio sulle sinergie tra i vari settori politici, bisognerebbe essere più chiari sulla pianificazione anche dal punto di vista finanziario, più chiari sulle necessità di investimenti e sull’utilizzo delle risorse“.
Secondo Canete l’Italia “sarà  in grado di presentare un piano finale, che confermi il suo alto livello di ambizione, un piano forte e sufficientemente dettagliato che guardi a tutte le dimensioni dell’unione energetica, che sia frutto di una consultazione con tutti i cittadini e Stati membri vicini“.