No-vax, Ricciardi: “Imbroglioni e ciarlatani stanno facendo danni approfittandosi della credulità popolare”

La lotta tra scienza e anti scienza continuerà fino a quando ci sarà un uomo malato o una persona che lo assiste

MeteoWeb

La lotta tra scienza e anti scienza continuerà fino a quando ci sarà un uomo malato o una persona che lo assiste. La sofferenza è qualcosa che spinge le persone a cercare aiuto dove viene offerto. Quando ci sono imbroglioni e ciarlatani che si approfittano della credulità popolare questo dovrebbe essere vietato dalle istituzioni“. E’ quanto sostiene Walter Ricciardi, docente ordinario di Igiene e Medicina preventiva dell’Università Cattolica e preside eletto della World Federation of public health associations. La dichiarazione è stata rilasciata dall’esperto a margine della presentazione a Roma della nuova sezione malattie rare del portale Doveecomemicuro.it, rispondendo alle domande dei giornalisti in merito alle polemiche sull’evento sulla libertà di scelta terapeutica promosso dall’associazione Corvelva, in programma alla Camera il 27 giugno.

Per quanto riguarda i vaccini – rileva Ricciardi – grazie alla legge Lorenzin e all’attività fatta in funzione della legge (la legge ha anche obbligato i cittadini a parlare con gli operatori) molto spesso chi era dubbioso è stato convinto dagli operatori per cui molto spesso quello che prima era il 30% dei genitori riluttante è diventato, noi stimiamo, il 2-3% della popolazione italiana ancora esitante. E lo 0,8% quella che è esitante in maniera rumorosa e aggressiva come Corvelva”.

vaccinazioni“Quando ero presidente dell’Iss chiamai l’allora presidente del Senato Grasso – aggiunge Ricciardi – che intervenne per evitare che una sala fosse data per la protezione del film anti-vaccini. C’è ancora una bambina in rianimazione con il tetano, ci sono ancora migliaia di casi di morbillo. Molte organizzazioni dicono di non essere contro i vaccini ma quando fanno propaganda, eventi e altre manifestazioni, in cui sostengono che i vaccini causano l’autismo, non fanno altro che aumentare lo scetticismo e fare danni”.

L’associazione Patto Trasversale per la scienza ideata e creata da Guido Silvestri e Roberto Burioni, ha inviato una lettera aperta ai Presidenti di Camera e Senato affinché il Parlamento non ospiti la conferenza stampa di ‘Corvelva’.