Nominato il nuovo direttore della FAO, è il cinese Qu Dongyu

Il prossimo direttore generale della FAO sarà il cinese Qu Dongyu, che ha ricevuto 108 voti su 191

MeteoWeb

Il cinese Qu Dongyu è stato eletto oggi Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).
Qu Dongyu ha ottenuto 108 voti sui 191 espressi, il che ha costituito la maggioranza al primo turno.
L’elezione si è svolta nel corso della 41ª sessione della Conferenza della FAO (22-29 giugno 2019), il massimo organo di governo dell’Organizzazione.
Qu Dong Yu, nato nel 1963, è attualmente Viceministro dell’Agricoltura e degli affari rurali in Cina.
Sarà il nono Direttore Generale della FAO dalla fondazione dell’Organizzazione, il 16 ottobre 1945.
Il mandato del nuovo Direttore Generale, che subentra al brasiliano José Graziano da Silva, inizierà il 1° agosto 2019 e terminerà il 31 luglio 2023.

Dall’istituzione della FAO nel 1945 si sono succeduti otto Direttori Generali:

  • Sir John Boyd Orr, Regno Unito, 1945-1948
  • Norris E. Dodd, Stati Uniti, 1948-1954
  • Philip Vincent Cardon, Stati Uniti, 1954-1956
  • Binay Ranjan Sen, India, 1956-1967
  • Addeke Hendrik Boerma, Olanda, 1968-1975
  • Edouard Saouma, Libano, 1976-1993
  • Jacques Diouf, Senegal, 1994-2011
  • José Graziano da Silva, Brasile, 2011-2019

Congratulazioni a Qu Dongyu, nuovo direttore generale eletto della FAO. In qualità di Paese ospitante, l’Italia è pronta a lavorare con voi per affrontare le nostre sfide comuni sulla fame, l’insicurezza alimentare e la malnutrizione e per raggiungere un mondo più sostenibile ed equo“: lo scrive su twitter il premier Giuseppe Conte.

Formulo i miei auguri di buon lavoro al neo eletto Direttore generale della FAO Qu Dongyu. Siamo soddisfatti di questo risultato che ne ha decretato l’elezione al primo scrutinio“: lo afferma il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio. “Il rapporto di amicizia che lega Italia e Cina, consolidato da relazioni durature e rinvigorito in maniera più che proficua dai recenti accordi bilaterali in materia di scambi commerciali, export, agroalimentare e turismo, troverà senz’altro nuova linfa nella collaborazione con il Viceministro dell’Agricoltura cinese oggi al vertice dell’Organizzazione“. “Saremo a disposizione sin da subito del nuovo direttore Dongyu per tavoli e confronti costruttivi sui temi di comune interesse, come l’impegno sul fronte internazionale per l’agricoltura sostenibile, la tutela del patrimonio agroalimentare, lo sviluppo dell’economia rurale, proseguendo così nel solco dell’importante lavoro già avviato tra i nostri due Paesi“.