Notre Dame, prima messa dopo l’incendio: un atto simbolico tra eccezionali misure di sicurezza

Casco obbligatorio per la prima messa nella cattedrale di Notre Dame: un atto simbolico nel segno della speranza, la celebrazione nel prossimo fine settimana

MeteoWeb

Un passo da fare, un obiettivo ed un auspicio, che albergava nel cuore dei francesi da quel 15 aprile scorso quando la cattedrale di Notre Dame di Parigi andò in fiamme: “celebrare al più presto una messa“, e questo fine settimana il desiderio che aveva espresso l’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit sarà esaudito anche se con speciali misure di sicurezza.

La prima messa verrà celebrata nel prossimo fine settimana, riferisce la stampa francese. Si tratterà di un atto simbolico, certo lontano dal ritorno alla normalità e compiuto tra eccezionali misure di sicurezza, casco compreso per i partecipanti. Ad essere presenti saranno in pochi, solo alcune persone potranno accedere alla cattedrale che normalmente sarebbe in grado di accogliere novemila fedeli, inoltre l’evento non si ripeterà a breve, almeno non prima di diversi mesi.

Parteciperanno alla celebrazione della funzione, sei o sette sacerdoti, accanto all’arcivescovo e pochi altri canonici. Si tratterà di “una grande festa della speranza per noi“, dichiara Patrick Chauvet, rettore della cattedrale simbolo di Parigi. “Perché se oggi possiamo entrare, seppure molto poco, nella cattedrale significa che appena ricostruita torneremo a cantarci“. Durante la funzione tutti dovranno indossare il casco anche se la celebrazione si terrà in una pica.