Sbarco in Normandia: ecco come le previsioni meteo di un uomo hanno cambiato il corso della II Guerra Mondiale e la storia del mondo

Squadre di meteorologi alleati dovevano trovare il momento migliore nel bel mezzo di condizioni meteorologiche turbolente per compiere lo sbarco in Normandia: ecco il ruolo cruciale svolto da un meteorologo britannico in una delle operazioni militari più importanti del mondo

MeteoWeb

Una delle previsioni meteo più importanti della storia è stata realizzata all’inizio di giugno del 1944, preparando il terreno per il leggendario sbarco in Normandia degli alleati. La comunità globale si ferma questa settimana per celebrare il 75° anniversario del cosiddetto D-Day, l’attacco degli alleati in Normandia che cambiò il corso della II Guerra Mondiale e la storia del mondo in un momento turbolento intorno alla metà del XX secolo e AccuWeather, autorevole centro meteorologico statunitense, torna indietro sul ruolo cruciale svolto da un meteorologo in una delle operazioni militari più importanti del mondo.

Erano in ballo migliaia di vite e anni di preparazione e il 4 giugno, poche ore prima del lancio delle operazioni del D-Day, nel mezzo di una tempesta in avvicinamento, il meteorologo britannico James Stagg chiese a Dwight D. Eisenhower, generale statunitense e comandante supremo delle forze alleate, di compiere un ritardo dell’ultimo minuto. Ispirato dalla previsione di Stagg che ha cambiato la storia, l’autore John Ross ha scritto il libro “The Forecast for D-Day: And the Weatherman Behind Ike’s Greatest Gamble” (“La previsione per il D-Day: e il meteorologo dietro il più grande rischio di Ike”).

Secondo Ross, l’atterraggio di successo del D-Day dipese da diverse condizioni ambientali. Stagg era un capitano della British Royal Air Force e un membro dei meteorologi alleati responsabili del monitoraggio delle condizioni di tempesta prima dello sbarco in Normandia. Squadre di meteorologi alleati, composte da 6 membri, dovevano trovare il momento migliore nel bel mezzo di condizioni meteorologiche turbolente per compiere il piano dalla posta altissima. Le forze alleate dovevano fare irruzione sulle spiagge con la bassa marea e gli aerei avevano bisogno di luce lunare sufficiente per avere adeguate condizioni per scendere. Inoltre, i mari mossi avrebbero reso un atterraggio sulla spiaggia quasi impossibile e tutte le condizioni meteo in quel momento sembravano remare contro i piani degli alleati.

james stagg sbarco normandia
James Stagg

Fuori, Stagg era un vero osso duro. Ma dentro era carico di preoccupazione”, secondo Ross. Il 5 giugno era stato inizialmente scelto come giorno in cui le forze alleate avrebbero lanciato l’invasione. In mezzo a quelle condizioni di tempesta, qualsiasi ritardo avrebbe posticipato l’invasione alleata di due settimane, il che avrebbe concesso al nemico abbastanza tempo per scoprire il piano di attacco. Erano possibili solo poche date a causa del bisogno di illuminazione (che poteva fornire solo la luce della luna) e della bassa marea all’alba per svelare le difese tedesche sottomarine. “Avevano bisogno di un periodo in cui ci fosse il 50% di luce lunare. Gli alleati volevano atterrare con la bassa marea perché sapevano che le spiagge erano coperte di ostacoli. Pali telefonici sepolti nel fango con bombe in cima”, ha dichiarato Ross ad AccuWeather.

Il 5 giugno era il giorno perfetto, se solo il meteo avesse collaborato. Poche ore prima dell’invasione, Stagg previde una piccola pausa nel modello meteorologico che stava arrivando, ma non prima dell’indomani e implorò Eisenhower di ritardare l’invasione di 24 ore. Eisenhower fu convinto e spostò l’attacco al 6 giugno. La previsione di Stagg si sarebbe rivelata preziosissima per il successo dell’invasione. Secondo Ross, molti altri meteorologi alleati non erano d’accordo con la previsione di Stagg, ma Eisenhower apprezzò il suo consiglio.

Anche le Potenze dell’Asse monitorarono i modelli meteorologici all’inizio di giugno del 1944, ma molti lasciarono le difese, prevedendo che i mari mossi e le condizioni di tempesta non si sarebbero calmati prima di metà mese e credettero che gli elementi meteorologici avrebbero impedito un attacco da parte del nemico. L’aver lasciato le loro postazioni e la mancanza di informazioni sulle previsioni avrebbe contribuito a rafforzare gli sforzi dei 110.000 alleati mentre guidavano l’attacco per liberare la Francia dal controllo delle Potenze dell’Asse il 6 giugno. Come riconoscimento per il suo servizio, Stagg fu premiato con la Legione al Merito americana e i suoi studi nelle previsioni meteorologiche furono utilizzati in tutto il mondo.