Caldo e maltempo: 135 grandinate lungo la Penisola nel 2019, +69% rispetto allo scorso anno

Maltempo e grandine: tempeste di vento e ghiacco in piena ondata di caldo africano hanno colpito le regioni del Nord Italia

MeteoWeb

Milioni di euro di danni sono stati provocati alle coltivazioni dalle grandinate che a macchia di leopardo si sono abbattute violentemente su Emilia e Lombardia devastando dalle zucche alle angurie, dai meloni alle pere, dal mais alla soia fino ai vigneti con la perdita anche del 30% degli acini di uva nei grappoli delle aziende interessate“: è quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti in relazione alle ultime tempeste di vento e ghiaccio che in piena ondata di caldo africano hanno colpito le regioni del nord. “La grandine – sottolinea la Coldiretti – è l’evento più temuto dagli agricoltori nelle campagne in questo momento perché i chicchi si abbattono sulle verdure e sui frutteti pronti alla raccolta provocando danni irreparabili alle coltivazione e mandando in fumo un intero anno di lavoro. Il ritorno dei temporali, che si sono abbattuti a macchia di leopardo al Nord, rischia di aggravare – precisa la Coldiretti – il drammatico conto dei danni nelle campagne. Sono gli effetti di una tendenza alla tropicalizzazione che – continua la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di eventi estremi, grandine di maggiore dimensione, sfasamenti stagionali e bombe d’acqua i cui effetti si fanno sempre più devastanti. Nel 2019 – conclude la Coldiretti sulla base della banca dati europea ESWD – sono state rilevate fino ad oggi 135 grandinate lungo la Penisola, il 69% in piu’ rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.”