Cambiamenti climatici, lo scioglimento del permafrost è peggiore di quanto si pensasse: carbonio rilasciato nell’atmosfera a tassi maggiori

Secondo lo studio, il 5-15% del carbonio del suolo contenuto nel permafrost potrebbe essere rilasciato nell’atmosfera entro la fine del secolo nell’attuale scenario: comprensione fondamentale perché il carbonio può accelerare i cambiamenti climatici

Per anni, gli scienziati hanno indicato il riscaldamento del permafrost della tundra artica come fonte per la maggior presenza di carbonio nell’atmosfera. Quando questo suolo si riscalda, rilascia i gas serra che erano a lungo rimasti intrappolati nel suolo ghiacciato. Un nuovo studio dell’Arizona State University mostra che questo scioglimento rilascia ancora più carbonio di quanto pensassero gli scienziati. César Plaza, Christina Schädel e Ted Schuur, professori del Center for Ecosystem Science and Society (Ecoss), sono gli autori dello studio pubblicato su Nature Geoscience che introduce un nuovo modo per tracciare il carbonio nel permafrost, che cambia la loro comprensione di come i cambiamenti ambientali influenzino le riserve di carbonio dell’ecosistema.

L’esperimento si basa su uno studio del riscaldamento del permafrost della tundra a lungo termine che Schuur e altri collaboratori stanno conducendo in Alaska. “Questo studio è stato nuovo perché abbiamo utilizzato nuovi metodi per tracciare direttamente le perdite di carbonio nel suolo e queste sono molto più alte di quanto pensassimo in precedenza. Questo suggerisce che non solo il carbonio viene rilasciato attraverso i gas serra direttamente nell’atmosfera  ma che è anche dissolto nelle acque che scorrono attraverso il suolo e che probabilmente trasportano il carbonio in torrenti, foglie e fiumi”, ha spiegato Schuur.

Questo studio quantifica il carbonio nel suolo in relazione ad un contenuto fisso di ceneri, che utilizza la componente minerale del suolo come parametro per il confronto tra i depositi nel tempo. È stato utilizzato questo approccio per misurare direttamente i cambiamenti dei depositi di carbonio nel suolo in un periodo di 5 anni, mostrando una perdita annuale di oltre il 5% del carbonio nel suolo.

Poiché un terzo del carbonio nel suolo della superficie terrestre è intrappolato nel permafrost, questo indica ramificazioni più grandi non solo nel presente, ma anche quando il mondo affronterà i cambiamenti climatici nel prossimo futuro. Gli scienziati che studiano il permafrost vedono un ciclo: le temperature più alte hanno portato un maggior scioglimento del permafrost, che porta al rilascio di carbonio del suolo nell’atmosfera, che porta temperature più alte, poi di nuovo allo scioglimento del permafrost e così via.

Secondo lo studio, il 5-15% del carbonio del suolo contenuto nel permafrost potrebbe essere rilasciato nell’atmosfera entro la fine del secolo nell’attuale scenario. “I nostri risultati dimostrano il potenziale per ripetute misurazioni che quantificano i cambiamenti nel carbonio del suolo nell’intera area del permafrost per comprendere meglio il suo destino ambientale. Uno sforzo come questo è un collegamento fondamentale e attualmente sottovalutato per determinare la portata del carbonio del permafrost terrestre ai cambiamenti climatici”, riporta lo studio.

Collegare tutti i pezzi ai cambiamenti climatici sarà un importante fattore mentre la società globale tenta di combattere i loro effetti, ha aggiunto Schuur. “Questo è fondamentale perché il carbonio perso da questi ecosistemi finisce nell’atmosfera e può accelerare i cambiamenti climatici”, ha concluso.