Incendio nel sottomarino russo, la rivelazione shock: “I militari morti hanno evitato una catastrofe planetaria”

La vicenda dell'incendio nel sottomarino russo nel quale hanno perso la vita 14 militari potrebbe avere risvolti di interesse planetario

I 14 militari morti lo scorso lunedì nell’incendio divampato in un sottomarino nucleare russo, nel Mare di Barents, “al prezzo delle proprie vite hanno salvato non solo le vite dei compagni, non solo la nave, ma hanno evitato una catastrofe di dimensioni planetarie“: lo ha detto un alto ufficiale – del quale non è stata diffusa l’identità – durante la cerimonia funebre dei militari a San Pietroburgo. Lo riporta la testata Otkrytye Media citata a sua volta dal giornale online Meduza. I 14 marinai morti nel sottomarino sono stati sepolti nel cimitero Serafimovskoye, vicino a un monumento dedicato alle vittime di un’altra tragedia del mare: quella del sottomarino Kursk, nel quale nel 2000 morirono 118 persone.