Maltempo Taranto: in corso ricerche dell’operaio disperso, complicate dalla torbidità delle acque

A Taranto "sono tutt'ora in corso le ricerche dell'operaio disperso, le operazioni sono rese difficoltose a causa della torbidità delle acque"
MeteoWeb

La forte tempesta abbattutasi ha provocato un cedimento a catena di tre gru posizionate sulla banchina su una delle quali si trovava il gruista disperso, caduta nello specchio acqueo antistante la banchina stessa. Sono tutt’ora in corso le ricerche dell’operaio disperso, le cui operazioni sono rese difficoltose a causa della torbidità delle acque e del pericolo conseguente alla presenza dei rottami e delle gru pericolanti e rese instabili dal fortunale occorso“: lo spiega in una nota la Guardia Costiera di Taranto in riferimento all’incidente verificatosi nel tardo pomeriggio di ieri.
L’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro dell’intera area e la Capitaneria di Porto ha emesso un’ordinanza di interdizione alla navigazione, in considerazione delle condizioni di pericolo, nello specchio acqueo per un raggio di 250 metri dalla sommità del molo dove è avvenuto l’incidente.
Quella dove si trovava l’operaio, un 40enne di Fragagnano, è una gru di scaricazione.
Sul posto personale di terra della Capitaneria di porto e una motovedetta, presenti anche i sommozzatori dei Vigili del Fuoco.

Un fascicolo di inchiesta sull’incidente avvenuto ieri sera è stato aperto dal sostituto procuratore della Repubblica del tribunale jonico Enrico Bruschi. Bisognerà accertare se sia stato fatto tutto il necessario per garantire la sicurezza dell’operaio Cosimo Mimmo Massaro.

Condividi