“Moonight”, al Museo della Scienza di Milano un grande evento per i 50 anni dallo sbarco sulla Luna

"Moonight", l'evento del Museo della Scienza di Milano per celebrare il 50° anniversario dallo sbarco sulla Luna

Giovedì 4 luglio 2019 – in occasione del prossimo 50esimo anniversario del primo sbarco umano sulla Luna con la missione Apollo 11, previsto per sabato 20 luglio – il Museo nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, unico a esporre un frammento di roccia lunare in Italia, dono dell’equipaggio dell’Apollo 17, celebrerà l’evento con l’anteprima “Moonight”. Per l’occasione, il museo sarà aperto dalle 18 alle 24 con incontri, attività, divertimento e musica per studenti, turisti e curiosi. Ci saranno talk fra scienza, tecnologia e cultura pop, open lab, tour notturni fra le collezioni del Museo, selfie lunari, una performance teatrale e una sfida di poesia, dj set e cibi spaziali, il tutto con un biglietto speciale a 10 euro. L’Edificio monumentale del museo e i suoi chiostri faranno da scenografia all’evento. Il dress code prevede un tocco di color argento. In Sala delle Colonne si parlerà prima del progetto Artemis, che intende riportare esseri umani sulla Luna nel 2024, poi del nostro satellite naturale tra cinema e fantascienza. Durante la serata si potrà partecipare ai tour notturni guidati alla Collezione Astronomia e Spazio, tra allunaggi mai portati a termine, viaggi interstellari e un vero frammento di Luna. Nei laboratori di Tinkering, Alimentazione e Biotecnologie del Museo si svolgeranno invece attività interattive per realizzare un’animazione spaziale in stop motion o capire come coltivare le piante in orbita. Si potrà assistere a una performance teatrale ispirata al film Apollo 13, far parte della giuria di un concorso di poesia, scattarsi un moonselfie e, per finire, scatenarsi con un dj set Anni ’60. Inoltre, per i 50 anni del primo uomo sulla Luna, ogni fine settimana, fino al 21 luglio, si potrà rivivere in prima persona la missione Apollo 11, indossando un visore PlayStation per la realtà virtuale. In compagnia di Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins sarà possibile pilotare il modulo di comando, effettuare l’allunaggio e le operazioni sul suolo lunare e rientrare a Terra con l’ammaraggio nell’Oceano Pacifico. A questa simulazione in realtà virtuale, realizzata grazie all’audio e ai dati originali della NASA, potranno partecipare adulti e ragazzi a partire dai 12 anni. Gli accompagnatori potranno vedere l’esperienza virtuale su un grande schermo