Meteo, l’ondata di caldo africano infiamma l’Europa: nuovi record, Francia, Germania, Olanda e Belgio oltre i +40°C [DATI]

Questa potente ondata di caldo africano sta facendo crollare record su record in Europa: oggi è la giornata di picco e i valori massimi registrati in diversi Paesi lo testimoniano

MeteoWeb

Questa ondata di caldo africano sta facendo crollare record su record nell’Europa centro-occidentale. Infranti record in Francia, Germania, Olanda e Belgio per il secondo giorno consecutivo, con Parigi che ha registrato la sua giornata più calda di sempre. La temperatura più alta di sempre registrata alle 16.32 nella capitale francese è di +42,6°C, battendo il record risalente al 1947 (+40,4°C). Secondo Météo France, la temperatura potrebbe salire ancora.
Sempre oggi, nella città di Lingen, nella Germania nordoccidentale, è stata misurata la temperatura di +40,9°C che ha superato i +40,5°C di ieri raggiunti a Geilenkirchen. Altro record nell’ovest del Paese, dove sono stati toccati i +41,5°C.

Il record olandese di +39,3°C registrato solo ieri ad Eindhoven è durato solo fino al pomeriggio di oggi, quando una stazione meteorologica della base aerea di Gilze-Rijen, nel sud del Paese, ha registrato +39,4°C, salendo poi a +40,4°C, secondo il servizio meteorologico nazionale KNMI.
La massima più alta del Belgio di +40,2°C stabilita ieri ad Angleur è stata superata nel pomeriggio di oggi quando il mercurio ha raggiunto i +40,6°C alla base militare di Klein Brogel, vicino al confine olandese. I record precedenti in entrambi i Paesi erano stati stabiliti negli anni ’40.
Il Regno Unito ha registrato una temperatura record per il mese di luglio di +37,7°C.

Il Servizio Meteorologico Tedesco (DWD) ha spiegato che la massa d’aria calda si sta estendendo su un’area che va dal Mediterraneo centrale alla Scandinavia, compressa tra le zone di bassa pressione sulla Russia occidentale e l’Atlantico orientale.

Mentre le autorità in tutto il continente stanno distribuendo acqua gratis alle persone senza fissa dimora, mettendo ospedali e case di cura sotto allerta rossa e aprendo gli edifici municipali a chiunque sia in cerca di ombra, i treni sono stati rallentati in diversi Paesi per evitare danni ai binari, che potrebbero piegarsi a causa del caldo. Météo France ha avvisato che le condizioni “richiedono particolare attenzione, soprattutto per le persone vulnerabili o esposte”. Grandi città francesi, come Lilla, Rouen, Dijon e Strasburgo, potrebbero registrare le temperature più alte di tutti i tempi, aggiungendosi alle decine di altre, come Bordeaux, che hanno già stabilito nuovi record in questa settimana. Intanto, potrebbero essere già 5 le vittime legate a questo caldo estremo nel Paese. Il governo francese è ancora perseguitato dall’ondata di caldo del 2003, che portò alla morte prematura di 15.000 persone, soprattutto anziani, e feroci critiche contro il governo che non si era mobilitato in tempo. Il ministro della salute, Agnès Buzyn, ha dichiarato che oggi a Parigi la temperatura potrebbe essere di 2°C più alta rispetto al 2003.

In Germania, con le restrizioni sulla fornitura d’acqua in molte aree, i bassi livelli dei fiumi hanno portato le autorità a vietare le navi su una fascia di 60km del Danubio. Uno zoo in Belgio sta nutrendo le sue tigri con polli congelati e i suoi orsi con anguria avvolta nel ghiaccio.

Con il picco dell’ondata di caldo proprio oggi, 13 città italiane, 20 dipartimenti del nord della Francia e tutto il Belgio sono sotto allerta rossa. A Firenze sono stati registrati +40,9°C ieri, il record di giornata per il caldo raggiunto dalla stazione meteo Genio civile, nel centro storico del capoluogo toscano. Stamattina, invece, si erano raggiunti i +33,9°C, spiega il Comune. Il codice rosso per il caldo in città sarà in vigore oggi e domani 26 luglio ma sabato 27 sarà declassato a giallo. E’ quanto si legge nel nuovo bollettino elaborato dal dipartimento di epidemiologia Ssr Regione Lazio nell’ambito del sistema operativo nazionale di previsione e prevenzione degli effetti del caldo sulla salute coordinato dal ministero della salute. Secondo le previsioni la temperatura massima percepita sarà di +39°C, +38°C domani e +35°C gradi domenica.

L’Organizzazione Mondiale della Meteorologia sostiene che la crisi climatica stia rendendo le ondate di caldo estive più frequenti, più precoci e più intense. Gli scienziati stimano che il riscaldamento globale provocato dall’uomo stia rendendo le ondate di caldo 5 volte più probabili. Uno studio pubblicato dallo Swiss Federal Institute of Technology di Zurigo ha dichiarato che l’ondata di caldo dell’estate 2018 sul Nord Europa sarebbe stata “statisticamente impossibile” senza i cambiamenti climatici guidati dall’attività umana.