La relazione tra meteo estremo e cambiamenti climatici: il caso della Groenlandia e dei cani da slitta che camminavano nell’acqua

La foto dei cani da slitta che camminavano nell'acqua lì dove avrebbe dovuto esserci del ghiaccio è diventata virale ed è stata presto considerata una prova dei cambiamenti climatici: ecco la relazione con il meteo estremo

MeteoWeb

Gli eventi meteo estremi stanno diventando sempre più comuni. Recentemente, un’ondata di caldo record in Groenlandia è diventata virale grazie all’immagine di cani da slitta che camminavano nell’acqua lì dove avrebbe dovuto esserci del ghiaccio. La foto è stata scattata da Steffen Olsen dell’Istituto Meteorologico Danese. I ricercatori dovevano recuperare i loro strumenti di monitoraggio e le loro stazioni meteo nella Groenlandia nordoccidentale, ma le operazioni sono state rese complicate da questa grande quantità di acqua di fusione che si era accumulata perché il ghiaccio aveva poche fratture tramite le quali farla drenare.

La foto è esplosa sui social network e sulle prime pagine dei giornali e molti la considerano come una prova dei cambiamenti climatici e un’indicazione del fatto che il riscaldamento globale sia una realtà scioccante e inconfutabile. Tuttavia, la realtà non è così semplice e ci sono due importanti considerazioni da fare. Per prima cosa, è importante dire che questo non è un evento senza precedenti. Sebbene insolito per questo periodo dell’anno, ossia la metà di giugno, la formazione di acqua di fusione sul ghiaccio marino con bassa permeabilità è un fenomeno regolare, solitamente alla fine di giugno o luglio. Infatti, Ruth Mottram, climatologo dell’Istituto Meteorologico Danese, afferma che il ruolo del riscaldamento globale in questo fenomeno non è scontato poiché può “ancora essere considerato un evento estremo guidato dal meteo, quindi è difficile ricondurlo ai soli cambiamenti climatici”.

ondata caldo groenlandia
Credit: University of Maine Climate Reanalyzer

Associare l’immagine dell’acqua di fusione ad una prova dei cambiamenti climatici è una semplificazione che può diventare problematica e apre il dibattito sui cambiamenti climatici a facili critiche. Per esempio, un effetto collaterale dell’ondata di caldo in Groenlandia sono state temperature più basse della media in Nord America, in cui l’aria fredda normalmente contenuta nell’area è finita sulle medie latitudini, come uno sportello del frigorifero lasciato socchiuso.

Questo sottolinea il bisogno di spiegare la relazione tra eventi guidati dal meteo e cambiamenti climatici. Enrico Scoccimarro, scienziato del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), che analizza la relazione tra cicloni tropicali e clima come sua attività di ricerca principale, ha spiegato che “l’associazione dei cambiamenti climatici a singoli eventi è complicata”. Come esperto di eventi meteo estremi, Scoccimarro sottolinea l’importanza di arrivare alle conclusioni analizzando le tendenze generali su lunghi periodi di tempo piuttosto che indicare singoli eventi meteo come prova di una verità più ampia, perché questo spesso può essere fuorviante. Un eccellente esempio è offerto dal suo studio sulle tempeste tropicali: “In generale sappiamo che ci saranno meno cicloni tropicali a causa dei cambiamenti climatici. Detto questo, quando si formano, la disponibilità di energia per l’intensificazione del processo è maggiore. Quindi meno cicloni ma più intensi”.

cambiamenti climatici ragazzi bambiniQuando si parla di cambiamenti climatici, è importante distinguere tra meteo e clima, indicatori e prove, breve termine e lungo termine. Il clima, infatti, descrive il meteo su un lungo periodo di tempo in un’area specifica. Detto questo, c’è un altro importante messaggio contenuto nella foto di Steffen. Se vogliamo aumentare la consapevolezza pubblica, abbiamo bisogno di immagini e parole che siano in grado di smuovere le persone, di catturare la loro attenzione e di toccare i loro sentimenti più profondi. Sebbene questa foto non sia una prova dei cambiamenti climatici, è un’immagine che dice molto sugli studi condotti nell’area: i satelliti meteo che monitorano il ghiaccio marino nell’Artico dal 1979 indicano che l’attuale copertura di ghiaccio è la più bassa mai registrata per la metà di giugno.

cambiamenti climatici cartelloInoltre, la perdita di ghiaccio marino sulla costa settentrionale dell’Alaska è stata “senza precedenti”, secondo Rick Thoman, climatologo di Fairbanks. Questi sono fenomeni che possono essere attribuiti ai cambiamenti climatici poiché analizzano i modelli a lungo termine del meteo nell’area. La semplice immagine dei cani che camminano nell’acqua al posto del ghiaccio può aiutare a stimolare l’immaginazione di quanti la guardano. Se le immagini possono aumentare la consapevolezza nell’opinione pubblica sulla difficile e innegabile situazione che l’ambiente affronta a causa dei cambiamenti climatici antropogenici, è importante che vengano condivise. Allo stesso tempo, però, è essenziale contestualizzarle e spiegare la vera complessità della crisi climatica.

Riscaldamento globale, incendi senza precedenti nel Circolo Polare: oltre 100 nelle ultime 6 settimane, situazione particolarmente grave in Alaska e Siberia [DATI]