Tigri sbranano addestratore al Circo e gli animalisti esultano sui social: “notizia che ci riempie di gioia”

I commenti crudeli e sadici degli animalisti sui social lasciano basiti: nemmeno un animale sarebbe capace di cotanta aggressività

MeteoWeb

Quanto può cadere in errore chi ama visceralmente qualcosa? E soprattutto, si può davvero definire amore quello che trova la propria ragione d’essere nell’odio? Ovviamente no. La notizia della morte di Ettore Weber, domatore del circo Marina Monti, ha fatto tornare alla ribalta una delle più grandi contraddizioni di chi si definisce animalista: l’incoerenza e l’odio verso altro esseri viventi, ma solo quelli della propria specie. Il domatore è morto ieri sera a Triggiano, nel barese, durante una sessione di addestramento con quattro tigri. Uno dei felini, saltando, avrebbe travolto Weber buttandolo a terra, poi lo avrebbe azzannato. A quel punto anche le altre tre tigri hanno preso d’assalto l’uomo, ormai a terra, sbranandolo.

Weber era uno dei migliori domatori al mondo, esperto soprattutto nell‘addestramento delle tigri siberiane e di quelle del bengala, ed era il titolare del Circo Weber. L’incidente ha dunque colto di sorpresa gli addetti ai lavori, proprio in virtù dell’esperienza dell’uomo. Ma è sui social che la natura umana – in questo caso per niente migliore di quella bestiale – ha dato il meglio di sé. Perché è stata l’occasione giusta per riaprire il dibattito sul circo con animali, con lo schieramento tra chi è pro e chi è contro. Ma a prescindere da questo, dato che è normale che ci siano opinioni diverse, come in ogni discussione che prevede diverse chiavi di lettura, ciò che balza all’occhio è la crudeltà, il sadismo, la vigliaccheria di chi, nascondendosi dietro ad una tastiera, esulta per la morte di Weber.

Alcuni dei commenti ricordano molto quelli dei terroristi di Al-Qaeda dopo gli attentanti ‘ben riusciti’ – che per loro significa con decine di vittime – in Occidente. C’è infatti chi scrive: “ma che tragedia e tragedia, queste sono notizie che riempiono il cuore“. E ancora: “Sono molto contenta“. Oppure: “Ogni tanto una buona notizia“. Qualcuno addirittura scrive: “Spero abbia sofferto molto prima di passare a migliore vita“.

Ora, detto ciò, la domanda è: quale patologia è imputabile a soggetti simili, ovvero persone che dicono di ‘amare’ gli animali e sono poi capaci di tanto odio verso i propri simili? Azzardando “un’analisi pseudo psicologica” della faccenda si potrebbe pensare che quello nei confronti degli animali non sia amore, se non altro perché chi è capace di cotanto odio non sa nemmeno cosa sia l’amore; si potrebbe trattare dunque di frustrazione, di repressione del proprio io, chissà. O magari è semplice cattiveria, di fronte alla quale non si può fare altro che dire: persino gli animali sono più umani di voi.