Tumore al seno: sviluppate nanoparticelle in grado di curare uno dei tipi più aggressivi

Un gruppo di ricercatori cinesi ha sviluppato nanoparticelle per curare un tumore al seno di tipo più aggressivo

Un gruppo di ricercatori cinesi ha sviluppato nanoparticelle per curare un tumore al seno di tipo più aggressivo. Il fattore di crescita epidermica umana 2 (HER2) è un tipo di proteina nel tessuto mammario, che aiuta a controllare le cellule mammarie durante la divisione, la crescita e la riparazione. Quando il gene HER2 risulta essere anomalo, si sviluppano cellule tumorali. Il 20-30% delle pazienti con cancro al seno hanno un valore anormale nel gene HER2 e il carcinoma mammario positivo all’HER2 tende a crescere più velocemente, a diffondersi più facilmente e ad avere maggiori probabilità di recidiva.

L’equipe dell’Università di Nanchino ha ora sviluppato un nuovo tipo di nanoparticelle in grado di riconoscere le proteine HER2 sulle cellule del cancro al seno e di indirizzarle verso la distruzione. In base ai risultati pubblicati su Angewandte Chemie International Edition, negli esperimenti in vitro le nanoparticelle hanno mirato specificamente alle cellule HER2 positive e inibito la proliferazione cellulare del 30%. Nei test in vivo, il volume tumorale dei topi iniettati con le nanoparticelle era circa la metà rispetto al gruppo di controllo. Secondo i ricercatori la ricerca fornisce importanti evidenze sullo sviluppo di nuovi trattamenti per il cancro al seno positivo all’HER2 e per gli studi sulle nanoparticelle per le terapie antitumorali.