Tumori, nuovo promettente farmaco per i bimbi colpiti da leucemia linfoblastica acuta: potrebbe rivelarsi utile anche per altre forme di cancro

Nuova speranza per i bambini colpiti dalla temibile leucemia linfoblastica acuta: meno costoso dei trattamenti attuali si sta rivelando promettente anche per la cura di altre forme di cancro

MeteoWeb

Un farmaco dal costo standard, e non ‘gioiello’ come molte nuove terapie in arrivo, è la speranza per i bambini colpiti da una forma molto aggressiva di leucemia linfoblastica acuta, che non lascia scampo alla metà dei pazienti e che espone comunque al rischio di gravi problemi di salute in età adulta. Il prodotto potrebbe rappresentare un aiuto, in futuro, anche per tutti gli altri malati di cancro. Un team del Children’s Cancer Institute di Sydney ha dimostrato che, grazie a una combinazione di chemioterapia con il nuovo medicinale CBL0137, la temibile forma di cancro del sangue diventa non più rilevabile nei topi trattati. E secondo Klaartje Somers, ricercatore dell’istituto australiano, il farmaco è promettente anche per altre forme di tumore, compresi quelli solidi come il cancro al seno o del colon-retto: i primi studi in corso negli Stati Uniti hanno riscontrato che il medicinale è molto ben tollerato.

leucemiaA differenza dei nuovi e costosi trattamenti come Car-T, risolutivi per alcune forme di leucemia grazie al fatto che indirizzano l’attacco del sistema immunitario di un paziente verso le cellule tumorali, questo farmaco agisce riattivando l’attività della proteina P53, un potente soppressore tumorale. Il suo percorso è però comunemente mutato nei malati di cancro perché le cellule tumorali lo ‘spengono’ in modo da poter rimanere in vita e continuare a diffondersi. Somers ha riferito sull”International Journal of Cancer’ che, da solo, il nuovo farmaco riesce a ritardare la progressione del cancro, ma quando viene combinato con la chemioterapia funziona ancora meglio. In questo senso, il nuovo medicinale sarà importante anche per calibrare e se possibile ridurre le quantità di chemio necessarie per questi pazienti.