West Nile, in Veneto primo caso dell’estate 2019: 79enne con febbre da 10 giorni

L'infezione ha colpito un uomo di 79 anni che vive in provincia di Padova: caso ufficializzato dalla Direzione Prevenzione dell'Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto

Primo caso umano di infezione da virus West Nile della stagione estiva 2019. L’infezione ha colpito un uomo di 79 anni che vive in area rurale in provincia di Padova e presenta febbre persistente da dieci giorni. La notizia è stata ufficializzata dalla Direzione Prevenzione dell’Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto. Nel 2018 la prima positività nelle zanzare era stata riscontrata il 7 giugno e il primo caso umano era stato notificato il 16 giugno, circa un mese prima rispetto a quest’anno. “La rete di sorveglianza entomologica regionale – spiega l’assessore alla sanità Manuela Lanzarin – non ha finora evidenziato alcuna positività per il virus West Nile nelle zanzare catturate, il che indica una diffusione più limitata del virus nell’insetto vettore rispetto all’anno scorso“. La differente situazione rispetto a quella del 2018, secondo gli esperti della regione, è in parte spiegabile da fattori meteo-climatici: “Tuttavia – aggiunge Lanzarin – un contributo importante al contenimento della proliferazione delle zanzare è dato dall’attuazione coordinata e sistematica, su tutto il territorio regionale, degli interventi di disinfestazione larvicida e adulticida“.

Il virus West Nile, comparso in Veneto nel 2008 – ricorda la Regione – è trasmesso all’uomo dalle zanzare del genere Culex che pungono prevalentemente nelle ore crepuscolari e notturne. Nel nostro territorio, inoltre, da alcuni anni è presente anche la zanzara Aedes albopictus (zanzara tigre), che può trasmettere le infezioni da virus Dengue, Chikungunya e Zika. Questo tipo di zanzara punge preferibilmente nelle ore diurne, con un massimo di attività nelle ore successive all’alba e nelle ore che precedono il tramonto.