Archeologia: tornano le passeggiate notturne nei siti vesuviani

Percorsi notturni nei siti archeologici vesuviani, nell'ambito dei progetti di valorizzazione 2019, promossi dal Mibac

MeteoWeb

Tornano i percorsi notturni nei siti archeologici vesuviani, nell’ambito dei progetti di valorizzazione 2019, promossi dal Mibac. Gli scavi di Pompei e la villa di Poppea ad Oplontis dal 23 agosto fino al 28 settembre, la Villa S. Marco a Stabia dal 16 agosto fino al 21 settembre e l’Antiquarium di Boscoreale dal 6 settembre fino al 12 ottobre saranno illuminati e aperti al pubblico tutti i venerdì e sabato – dalle ore 20,30 alle 22,30 (ultimo ingresso ore 22,00).
A Pompei le passeggiate notturne interesseranno uno dei luoghi più monumentali del sito, l’area del Foro, cuore della vita politica, religiosa ed economica della città antica, attraverso un percorso di suoni e luci che ha inizio da porta Marina. Ad Oplontis le visite serali saranno alla Villa di Poppea, tra i più splendidi esempi di villa dell’aristocrazia romana, attribuita a Poppae Sabina, moglie dell’imperatore Nerone, e all’Antiquarium di Boscoreale, con i suoi numerosi reperti, testimonianza della vita e dell’ ambiente dell’epoca romana nell’agro Vesuviano.
A Stabia, infine, sarà possibile visitare la Villa San Marco illuminata per le ‘Noctes Stabianaes’. Una passeggiata suggestiva in una tra le più grandi ville romane residenziali, con i suoi 11mila metri quadrati, posta in posizione panoramica sulla collina di Varano, a Castellammare di Stabia. L’ingresso alla Villa è gratuito.