Lanciata navicella Soyuz con a bordo un robot e il telescopio Mini-EUSO sviluppato in Italia

In arrivo sulla Stazione Spaziale Internazionale diversi esperimenti, tra i quali il telescopio Mini-EUSO, sviluppato in Italia

MeteoWeb

Lanciata da Baikonur, in Kazakistan, una navicella spaziale Soyuz:  porterà sulla Stazione Spaziale Internazionale diversi esperimenti, tra i quali il telescopio Mini-EUSO, sviluppato in Italia.

Mini-EUSO, è un telescopio costruito per catturare fenomeni legati ai raggi ultravioletti di origine cosmica: è stato sviluppato nell’ambito di una collaborazione internazionale guidata dall’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e dall’istituto di ricerca giapponese RIKEN. Il progetto nasce da una cooperazione tra l’Agenzia spaziale italiana e quella russa, Roscosmos.

A bordo della navicella Soyuz MS-14 anche un robot, unico membro dell’equipaggio, su un volo di prova per certificare il razzo vettore Soyuz 2.1a.
Skybot-F850 o Fedor, dal suo acronimo in inglese (Final Experimental Demonstration Object Research), rimarrà nello spazio per un totale di 17 giorni.