L’astronauta Paolo Nespoli: “andare nello Spazio ci rende uomini migliori, l’Italia è un tesoro”. E sulla Crisi di Governo: “alcuni politici li manderei lassù per sempre”

Paolo Nespoli spiega quant'è importante osservare la Terra dallo Spazio e da' una stoccata ai politici che "litigano per le piccole cose"

MeteoWeb

Andare fuori dalla Terra ti fa diventare e ti fa sentire un terrestre migliore!”. E’ quanto ha dichiarato ieri all’AdnKronos l’astronauta italiano Paolo Nespoli, presente al Meeting di Rimini, dopo tre missioni nello spazio a bordo dello Shuttle nel 2007 e della Soyuz nel 2010 nonché nella Stazione Spaziale Internazionale nel 2017. “Lo spazio dà possibilità di vedere il pianeta da fuori, con centinaia se non migliaia di satelliti che misurano con attenzione la Terra dall’alto per cercare di capire i mutamenti che si stanno verificando, in parte naturali e in parte dovuti alla presenza umana – spiega NespoliSi apprezza così la bellezza, l’equilibrio ma anche la fragilità del nostro pianeta“. Quanto all’Italia ‘vista dall’alto’, “proprio dallo spazio si capisce come il nostro Paese abbia una posizione geografica invidiabile: figura a 45° a nord e dovrebbe avere freddo invece siamo temperati dal Mediterraneo che le sta attorno, subito sotto c’è l’Africa rossa e bruciata dal sole mentre l’Italia è tutta verde e marrone circondata dall’azzurro del mare e con la corona bianca delle Alpi. Dovremmo fare attenzione alla preziosità di questa bellezza, non darla per scontata ma tesaurizzarla“.

Ma si vede la crisi politica italiana, dallo Spazio? “No, perché sarebbe un po’ come cercare di capire che cosa succede dentro un formicaio stando a 20 metri d’altezza: al massimo, vedi che c’è un formicaio… Ma quello che succede dentro è difficile vederlo e capirlo“. Nespoli lancia una ‘proposta’: “Manderei nello spazio tutti i nostri politici, che stanno litigando qua sotto sulle cose piccoline, per cercare di focalizzarli sulle cose più grandi. Qualcuna, faccio una battuta, ce lo manderei e ce lo lascerei… “.