Previsioni Meteo: si cambia per FERRAGOSTO. Calo termico di 10°C e tutto ritorna in norma [MAPPE e DETTAGLI]

Analisi confortevoli per il 15. Si torna a respirare, grazie al flusso mite atlantico e arrivano anche un po' più di nubi con qualche pioggia. Ecco l'ultima tendenza

MeteoWeb

Modelli matematici oramai tutti concordi: il giorno di Ferragosto segnerà la fine dell’incubo caldo. A dire il vero un calo importante al Centro Nord ci sarà già nel corso della vigilia, nell’ordine di -4/-6°C, meno apprezzabile al Sud, tuttavia pur presente. Ma la giornata di Ferragosto sancirà definitivamente la fine di valori over 35°C su tutte le pianure, anche su quelle meridionali.

Si concretizzerà, infatti, un cavo d’onda nordatlantico su tutti i settori centro-settentrionali del nostro bacino, un cavo non di quelli particolarmente importanti, tuttavia abbastanza significativo al punto, perlomeno, da scalzare la massa d’aria rovente di matrice africana e soppiantarla, invece, con correnti certamente più miti e gradevoli di matrice oceanica.

Allo stato attuale dei dati viene computato un calo termico di circa 9/10° entro giovedì di Ferragosto. Un calo significativo che, tuttavia, interverrebbe in un contesto barico non particolarmente sconvolto. Più refrigerio, quindi, ma poca instabilità associata. Sono rilevabili, dalla stima degli indici di instabilità, i consueti addensamenti e locali temporali su Alpi e Prealpi, qualcuno più intenso tra il Trentino-Alto Adige, l’alto Veneto e il Nord Friuli, come indicato nella cartina in evidenza.

Dalla stessa immagine è possibile dedurre anche una intensificazione della nuvolosità su buona parte delle pianure settentrionali, sulla Toscana, sul medio Adriatico e su diverse aree dell’l’Appennino centrale, tuttavia senza particolari fenomeni associati o localmente qualcuno debole in Appennino. Possibilità di nubi irregolari e qualche addensamento anche sulla Campania, sul Nord della Puglia e sul basso Tirreno, dalla Calabria tirrenica al Nord della Sicilia. Sul resto del Paese, tempo più ampiamente soleggiato salvo poche nubi sparse.

Sotto l’aspetto termico è evidente, nel quadro rappresentato, come le temperature si prospettino in calo notevole, passando dai valori infuocati di +37°C, + 39°C o addirittura +40°C anche +43°C di inizio settimana, ad altri certamente più normali come i +29/+34°C di massima prospettati, ed essenzialmente sulle regioni tirreniche, meridionali e insulari. Valori decisamente inferiori sulle pianure settentrionali e su quelle del medio Adriatico, con massime tutte sotto i +30°C.