Previsioni meteo: inizio settimana con temporali soprattutto su Appennino, isole e Alpi di Nord Est [MAPPE]

Previsioni meteo: persiste la "goccia fresca" in quota con instabilità diffusa sotto forma di rovesci e temporali. Più esposte ancora una volta le aree interne con locali nubifragi

MeteoWeb

Inizio settimana con pochi cambiamenti rispetto alle condizioni meteo del weekend appena trascorso. Una debole-moderata circolazione instabile alle medie quote continua a condizionare il tempo, inasprendo la circolazione atmosferica, soprattutto nelle ore pomeridiane più calde, e favorendo l’insorgere di una diffusa attività temporalesca, spesso accesa, su buona parte del territorio. Poca o nulla instabilità per le coste e per molte pianure a esse vicine, anche per buona parte della Pianura Padana.  Ma entriamo nel dettaglio del tempo per oggi.

Situazione ed evoluzione

Mattinata bella e soleggiata su tutto il Paese, salvo qualche fastidio nuvoloso sulle Alpi di Nord Est, essenzialmente sull’Alto Adige, localmente Trentino e nubi irregolari anche sul basso Tirreno in mare aperto. Magari in tarda mattinata e verso le ore centrali addensamenti più intensi potranno iniziare a interessare le Alpi e le Prealpi centro-orientali, il rilievi appenninici, specie centrali, e localmente i settori interni delle isole maggiori con qualche primo isolato fenomeno.

L’instabilità, tuttavia, è prevista accendersi in maniera più significativa nel corso delle ore pomeridiane. Al pomeriggio, infatti, è riferita la cartina allegata da cui è visibile la diffusa fenomenologia temporalesca, estesa a diverse regioni. In particolare, evidenziamo il rischio di temporali diffusi e spesso di forte intensità su tutte le aree contrassegnate dal colore arancio, ossia su quelle appenniniche centro-meridionali e sui settori alpini e prealpini centro-orientali. Fenomeni più ricorrenti tra i settori interni toscani, Umbria, Centro Est Lazio, aree interne marchigiane, abruzzesi, poi su Molise, Foggiano, Est Campania, Lucania, sulla Sila piccola, in Calabria, su Nordest Sicilia e localmente Sudest Sardegna. Possibili temporali moderati o localmente forti anche su Sud e Ovest Cuneese.

Nell’ambito delle aree circoscritte in arancio, abbiamo contrassegnato altre, più localizzate, con colore rosso e dovrebbero corrispondere più o meno ai focus temporaleschi più importanti con rischio nubifragi e grandinate. Essi saranno più probabili soprattutto sul Centro Est Reatino, Sudest Perugino, anche sul Perugino centrale a Est del Capoluogo, diffusamente sull’Aquilano, su aree interne del Teramano, sull’Anconetano e localmente sui settori interni del Fermano e del Sud  Maceratese.

Altri focus temporaleschi importanti con rischio nubifragi e fenomeni forti, su Alpi e Prealpi nordorientali, in particolare sul Trentino-Alto Adige, dapprima orientale, poi anche centro-occidentale, localmente anche su aree nordorientali della Lombardia più tardi, specie su Est Sondriese.

Parametri per fenomeni forti o violenti, infine, anche sul Nord Est della Sicilia, tra la provincia catanese settentrionale e il Messinese centrale. Possibili fenomeni a carattere di nubifragio o anche con grandine, soprattutto nel tardo pomeriggio e verso prima serata, 18/20.00, sull’area etnea e area Randazzo, Floresta, Tortorici, Montalbano Elicona, Maletto, Castiglione. 

Sui settori contrassegnati in verde, possibili rovesci o temporali sparsi qua e là, ma più occasionali a localizzati, non escluso anche qui localmente forti, ma contesto generale che computa anche vaste aree soleggiate e senza fenomeni. Tempo in prevalenza stabile lungo gran parte delle coste, pianure vicine e diffusamente anche sulla Pianura Padana, salvo qualche fastidio locale o isolato, in particolare su Emilia Romagna.

Temperature

Il quadro termico vede temperature sopra la norma di 2/3°C o localmente anche qualcosina in più su gran parte delle regioni, specie centro-settentrionali. Valori più o meno nella norma sulla Sicilia sul Sud della Calabria. Le temperature massime si attesteranno mediamente in pianura tra +30°C e +33°C, qualche punta oltre, fino a +34°C,  sul Materano, in Lucania, e occasionalmente su qualche altra pianura interna del Centro-Sud e delle isole maggiori. Temperature mediamente comprese tra +27°C/+29°C sulle coste.