Previsioni Meteo, Italia divisa in 2: forti temporali in arrivo, allerta al Nord [MAPPE e DETTAGLI]

Previsioni Meteo: cede l'alta pressione con arrivo di maltempo anche intenso localmente. Forti temporali e rischio nubifragi su alcune regioni. Ecco dove

MeteoWeb

Italia, dunque, divisa in due in questa fase estiva: Centro/Sud alle prese con una ennesima ondata di caldo di importanti proporzioni, con valori massimi che si potranno spingere anche per oggi fino a +37°C /+38°CNord, sotto il tiro di impulsi instabili meridionali e rischio di forti temporali su alcune aree. Va rilevata, tuttavia, anche sulle regioni centrali, una debole influenza di un flusso un po’ più umido occidentale alle medie quote con qualche isolato temporale pomeridiano in Appennino, magari anche sulle isole maggiori.

Ma il dato rilevante, soprattutto per le prossime ore serali e notturne, sarà l’arrivo di impulsi instabili in quota, mossi da un’area depressionaria scavatasi in prossimità delle Baleari, in salita verso l’alto Tirreno, poi con impatto probabilmente violento verso i settori alpini, prealpini e medie-alte pianure, soprattutto tra alto Piemonte e Ovest/Nordovest Lombardia. Ecco gli sviluppi.

Situazione ed evoluzione del tempo per oggi

Intanto, in questa mattinata, nubi più diffuse le troviamo sulle regioni centro-orientali del Nord, in gran parte innocue e irregolari, in qualche caso associate a rovesci sul Trentino-Alto Adige. Un po’ di nubi irregolari anche su Ovest Piemonte, stratificazioni medio-alte sulla Romagna, altrove sole dominante. In giornata, saranno possibili altri addensamenti con rovesci e temporali sparsi sui settori alpini e prealpini un po’ tutti, da quelli del Cuneese, Torinese, Valle d’Aosta, fino all’alto Piemonte, alta Lombardia, poi Trentino-Alto Adige e alto Veneto. Attenzione perché è previsto lo sviluppo di nubi cumuliformi anche su alcune pianure, in particolare su quelle emiliane centrali e sulle pianure lombarde, anche qui con locali temporali, in qualche caso forti data l’importante calura nei bassi strati e quindi data l’energia latente presente in atmosfera.

Ma la nostra attenzione va posta alle ore serali, specie della seconda serata e a quelle notturne, in particolare tra Centro-nord Piemonte e Ovest/Nordovest Lombardia. In questa fase, è atteso l’arrivo di un impulso instabile particolarmente determinato, in seno a correnti portanti meridionali e in grado di scatenare significativi moti verticali. La provenienza delle correnti e l’impatto veemente con i primi rilievi alpini e prealpini specie del Torinese e dell’alta Lombardia, favoriranno intensi cumulonembi capaci di produrre precipitazioni di forte intensità. Nell’immagine allegata abbiamo evidenziato a scala di colori, un po’ tutte le aree che, per le prossime 15/20 ore, saranno interessate da fenomeni. Abbiamo evidenziato anche quando correrebbe il rischio maggiore di fenomeni, a seconda delle varie aree.

Per la sera notte, riteniamo di lanciare un’ ALLERTA ARANCIONE-ROSSO, quindi un’allerta quasi di massimo livello, in particolare per le aree evidenziate in giallo-rosso in cartina. Secondo i dati, le province di Como, anche Est Milanese, Nordovest Pavese, poi verso Vercellese, area Ivrea e soprattutto le province tra Biella, Novara, Verbania e Varese, rischiano una instabilità particolarmente accesa, con elevata probabilità di fenomeni a carattere violento, in forma di nubifragio, colpi di vento intensi o anche trombe d’aria. MASSIMA ALLERTA su queste aree, a partire soprattutto dalle 22/23.00 e fino alle 5.00 di domattina, anche perché alcune di esse sono state già tartassate da un maltempo intenso nella giornata di ieri, quindi con bacini idrici già provati e terreno già saturo d’acqua.

Torniamo ad evidenziare, per oggi, la possibilità di locali temporali, a carattere irregolare e abbastanza isolati lungo l’Appennino centrale, tra i rilievi della Toscana, dell’Umbria, del Nordest Lazio, su quelli abruzzesi e, in forma ancora più isolata, anche su quelli molisani e del Nordest Campania. Sebbene fenomeni circoscritti, anche su queste aree appenniniche, localmente, essi potranno essere di forte intensità.