Ebola, OMS: la Tanzania non condivide le informazioni sui casi sospetti

L'OMS accusa la Tanzania di non fornire informazioni sui casi sospetti di Ebola, ostacolando gli sforzi per frenare la diffusione del virus

MeteoWeb

L’Organizzazione Mondiale della Sanità accusa la Tanzania di non fornire informazioni sui casi sospetti di Ebola nel Paese, ostacolando gli sforzi per frenare la diffusione del virus.
L’OMS ha reso noto di avere scoperto il 10 settembre un caso sospetto di Ebola a Dar es Salaam. Altri due casi sono stati segnalati ufficiosamente: “Nonostante diverse richieste, l’OMS non ha ricevuto ulteriori dettagli di nessuno di questi casi dalle autorità tanzaniane“, ha precisato l’Organizzazione. Il 14 settembre le autorità tanzaniane hanno riferito ufficialmente che non c’era Ebola nel Paese. “Ad oggi, i dettagli clinici e i risultati dell’indagine, compresi i test di laboratorio eseguiti per la diagnosi differenziale di questi pazienti, non sono stati condivisi con l’OMS“.