Esplosione in raffineria ENI, Arpa Lombardia: “Non rilevate alterazioni significative della qualità dell’aria”

Anomalia in una sezione dell'impianto di gassificazione alla ENI di Sannazzaro de' Burgondi (Pv)

MeteoWeb

Questa mattina, alle ore 6.30, si è verificata un’anomalia in una sezione dell’impianto di gassificazione alla ENI di Sannazzaro de’ Burgondi (Pv) che ha provocato, riporta Arpa Lombardia, “un’esplosione con conseguente emissione di fumo/vapore che è durata una decina di minuti.

Secondo le notizie in nostro possesso, i VVF non hanno rilevato al momento dell’intervento fiamma attiva, non ci sono stati danni alle persone e l’emergenza è rientrata immediatamente. Le cause dell’esplosione saranno analizzate a livello impiantistico dai soggetti e dalle autorità competenti.

L’azienda è classificata come RIR (Rischio Incidente Rilevante), in base alla direttiva Seveso e sottoposta ad AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale), di competenza del Ministero dell’Ambiente, viste le dimensioni e la tipologia dell’impianto.”

Arpa Lombardia, dipartimento di Lodi/Pavia, “si è recata tempestivamente sul posto accertando che non sono necessari ulteriori accertamenti sulle conseguenze ambientali dell’evento, dal momento che l’emergenza è rientrata in tempi brevissimi.”

Arpa Lombardia “ha controllato i dati disponibili delle stazioni che monitorano la qualità dell’aria della zona senza aver rilevato alcuna alterazione significativa.